Agriturismo Corte in Fiore ad Ardea (Roma): Intervista alla famiglia Lilla


Agriturismo Corte in Fiore
Via degli Olivi 16, Tor San Lorenzo (Ardea) - 00040 (Roma)

(vedi mappa)
Mostra il telefono
Mostra il fax
Email: info@corteinfiore.com
Web: http://www.corteinfiore.com


 

AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo, svoltosi ad Arezzo Fiere e Congressi dall'11 al 13 novembre 2011, ha visto circa 12 mila visitatori con un bilancio più che positivo. 135 espositori in rappresentanza di oltre 450 tra enti, agriturismi e fornitori per un viaggio da nord a sud nell’Italia agrituristica, quella che ci mette la faccia e presenta le proprie meraviglie con passione e dedizione.

 

Mondo del Gusto, presente in fiera, ha conosciuto alcune realtà agrituristiche particolarmente interessanti sia per la tipicità dell’offerta enogastronomica e turistica proposta, sia per l’affabilità dimostrata da alcuni espositori.

 

L’Agriturismo Corte in Fiore di Ardea, presente con un magnifico stand ricolmo di tantissimi prodotti agricoli gestito da una piacevole famiglia, che, noi di Mondo del Gusto abbiamo intervistato.


 

 

Corte in Fiore è una struttura molto innovativa, siete agriturismo ma anche villaggio turistico, alle porte di Roma. Chi sono e cosa cercano i vostri ospiti?  

 

“Il nostro agriturismo è immerso nel verde della campagna romana a ridosso del mare. Lo abbiamo pensato e ideato sia per il turista che vuole visitare Roma godendo in qualsiasi stagione dell’anno di aria e cibi buoni, sia per il “romano” che vuole staccare la spina dallo stress quotidiano e tuffarsi nella natura e nei suoi buoni sapori, senza allontanarsi dalla sua città. Il centro della Roma turistica è raggiungibile con circa 30 minuti di treno, senza problemi di parcheggio o traffico”

 

Che cosa offrite ai vostri ospiti?

 

Relax e cibi genuini. Nei nostri giardini si può passeggiare tra gli ulivi e i vigneti, ammirare un delizioso laghetto, nuotare in una piscina panoramica con area idromassaggio, fare escursioni organizzate in bicicletta, a cavallo, persino in barca, abbiamo convenzioni con i vicini stabilimenti balneari.

 

La nostra cucina è genuina, fatta in casa con i prodotti coltivati e animali allevati in azienda, la tipica romana e laziale, fatta anche di trippa, coratella, amatriciana, carbonara, tutta cucinata in modo tradizionale e badando alla qualità del cibo. Gli ingredienti sono accuratamente controllati da mia moglie Assunta. Io, sono costantemente alla ricerca delle materie prime migliori, le seleziono e quando pronte le presento agli chef e a mia moglie per utilizzarle nelle loro ricette.

 

Utilizziamo solo cibi genuini, prodotti, coltivati e cresciuti sulla nostra terra con principi sani e tradizionali. Il valore della materia prima per noi è fondamentale.

 

 
La carne che portate in tavola quali caratteristiche ha?
 
Alleviamo vitelli di frisona allattati da mamme di chianina. Quando raggiungono un anno e mezzo circa di vita e tre quintali e mezzo di peso, la loro carne è tenera e saporita al punto giusto, sia per le cotture al forno, sia per quelle alla brace.
 
Abbiamo conigli, galline, animali da cortile e uno dei nostri desideri è quello di far riscoprire la bontà e gustosità della carne di pollo che chiaramente proponiamo solo ruspante e alimentato con prodotti naturali, in libertà. L'allevamento sano e nel rispetto dell'animale ci dona gusti dimenticati che facciamo riscoprire.
 
 
E la terra cosa vi offre? 
 
Olio extravergine di oliva, abbiamo circa 200 piante di Olivo che producono un olio di alta qualità a bassa acidità, molto gradevole, dal gusto delicato che rispetta i cibi. Si può mettere in tante preparazioni.
 
E poi asparagi che consentono moltissime preparazioni, rughetta, insalatine varie, frutta, pomodori, ciliegie, miele, zucche e tanto altro.
 
Insomma, i vostri cibi sono genuini e prodotti nel rispetto della natura, serviti in un’atmosfera elegante ma informale e la gastronomia è di ottimo livello.
Cosa altro vorreste realizzare per il futuro?
 
Speriamo di riuscire a collaborare con altri ristoranti dei Castelli Romani per organizzare un circuito di buoni sapori dove il turista ma anche il buongustaio locale possano essere sicuri di assaporare una cucina tipica, sana, gustosa nel rispetto dei valori e sapori di un tempo. 



di Nicoletta D'Alessandro