Rete di Solidarietà Contadina: l'unione fa la forza


 

Venerdì 12 dicembre 2014, nella Biblioteca di Reggello, si è svolta la presentazione delle Rete di Solidarietà Contadina.

 

All'incontro hanno partecipato Cristiano Benucci (Sindaco di Reggello) che ha aperto i lavori, gli ideatori e fondatori Silvia Tassi (Presidente), Paolo Pagani (Vice Presidente) Luigi Di Marco (Comitato Etico) i quali hanno presentato gli obiettivi della Rete ed il percorso sino ad oggi realizzato per la sua costituzione. Si sono susseguite presentazioni da parte di esperti del settore dell'Olivicoltura (attività fondamentale del territorio) e testimonianze relative ad esperienze simili oppure alle opportunità connesse all'internazionalizazione.

 

E' stato inoltre presentato il Logo realizzato dall'artista Franca Pisani (l'immagine nella gallery all'inizio dell'articolo). 

 

Ma cos'è la Rete di Solidarietà Contadina? E' una "Rete d'impresa" strumento legislativo con il quale si possono risolvere i problemi legati all'eccessiva frammentazione delle aziende del settore agricolo, artigianale, turistico-ricettivo presenti sul Territorio.

 

In un mercato sempre più globalizzato e competitivo è invece necessario creare sinergie per valorizzare al meglio le singole specificità di cui le aziende sono portatrici con i loro prodotti/servizi.

 

E tutto ciò salvaguardando il "Capitale Sociale" rappresentato dal Territorio, dalle Persone che lo abitano, dalla Cultura e dalla Storia che lo caratterizzano.

 

Sono stati creati cinque comparti, per soddisfare le esigenze degli aderenti: Produttori di Olive, Gestori di Case Vacanze e Agriturismi, produttori di altri prodotti agroalimentari e di Eccellenze del Territorio.

 

In considerazione dell'importanza che riveste per l'economia del Territorio il comparto Produttori di Olive si è posto il seguente oboiettivo: produrre un Olio Extravergine di Oliva di Alta Qualità.

Per tale ragione la selezione dei Produttori è subordinata al rispetto del Percorso di Valorizzazione realizzato in collaborazione con L'Università degli Studi di Firenze, nel quale la rintracciabilità e la qualità rappresentano i criteri di riferimento.

 

La Rete ha in previsione attività di Marketing e Commercializzazione dei prodotti/servizi forniti dalle aziende aderenti, con un'attenzione specifica ai mercati dei Paesei Esteri, per i quali sono particolarmente necessarie competenze che, spesso, le piccole aziende non si possono permettere.

 

Come ha affermato il moderatore Luigi Di Marco nella conclusione dei lavori, questo è il "Battesimo del Progetto", ora si tratta di farlo crescere.

 

I nostri Migliori Auguri!!!