Finanziamenti agevolati alle imprese del settore alimentare: a Bologna nuova alleanza fra Unipol Banca e Ascom


Confcommercio Ascom Bologna


Dal 15 luglio al 31 dicembre 2014 a Bologna e provincia -

 

Il settore agroalimentare, quello dell’enogastronomia, i servizi e l’accoglienza al turismo, come risorsa importante per risollevare l’economia dalla grave crisi in cui ancora versa. E a dirlo non sono più solo gli operatori del settore, comprensibilmente interessati, ma una delle più importanti banche italiane che ha deciso di attivare su Bologna e provincia due nuovi servizi di finanziamento agevolato, di cui uno espressamente dedicato al comparto agroalimentare.

 

L’iniziativa, sviluppatasi di concerto assieme a Confcommercio Ascom Bologna, è di Unipol Banca, che per l’occasione mette a disposizione due distinte possibilità di finanziamenti, la prima, destinata alle nuove imprese commerciali e alle start up, per un massimo di 26mila euro da restituire in tre anni con un tasso all’1,50 per cento – cosa resa possibile dall’intervento di Cedascom Spa che abbatterà il tasso fisso del 4 per cento applicato da Unipol Banca con una percentuale del 2,50 per cento – e la seconda per l’appunto rivolta esplicitamente ai pubblici esercizi del settore agroalimentare per una cifra massima di 40mila euro da restituire in tre anni al tasso fisso del 4 per cento o a un tasso variabile Eur 3 mesi mmp +3,50 per cento.


 

Unica condizione per accedere al finanziamento è l’associazione dell’impresa a Confcommercio Ascom Bologna e, nel primo caso, l’affido della gestione del servizio di contabilità per tre anni a Cedascom Spa, mentre nel secondo caso si punta più a finanziare, fino a un 75 per cento della quota totale, interventi di ammodernamento, riqualificazione o ampliamento di punti vendita, laboratori alimentari, cucine, locali ristorazione, chioschi e quant’altro sia riconducibile al settore. Al minimo anche le spese fisse, limitate a quelle di istruttoria – 50 euro per il primo tipo di finanziamento e 150 euro per il secondo – e a limitati bolli.

 

«Il nostro istituto – spiega Stefano Rossetti, direttore generale di Unipol Banca – vanta con Confcommercio Ascom Bologna un rapporto consolidato nel tempo e le iniziative attivate in questi anni, finalizzate al sostegno delle attività commerciali-produttive della città e della provincia, sono state molteplici. Crediamo che sia dovere di una banca come la nostra quello di dare fiducia a chi lo merita, ma proprio per questo vogliamo scommettere su quegli imprenditori, giovani e meno giovani, che hanno scelto di non rassegnarsi al declino dell’economia e vogliono mettersi in gioco per contribuire alla ripresa».

 

«Grazie a queste iniziative – aggiunge Giancarlo Tonelli, direttore generale di Confcommercio Ascom Bologna – rivolte rispettivamente alla creazione di impresa e al sostegno di investimenti produttivi in un settore per noi molto importante, sappiamo di poter realizzare e promuovere assieme interventi a favore dello sviluppo del territorio, nell’interesse del nostro mondo associativo rappresentato da piccole e medie imprese del commercio, del turismo e dei servizi».

 

Per la concessione dei finanziamenti, previa presentazione di un business plan e di un preventivo degli investimenti, Unipol Banca mette a disposizione degli associati Ascom le sue ventitré filiali sparse fra Bologna e provincia sino al termine dell'iniziativa, che scadrà il 31 dicembre di quest'anno. 



di Gabriele Orsi