La Mora Romagnola in rosa: dalla collaborazione tra Pasquini e Zivieri nasce a Bologna la mortadella d'eccellenza


Macelleria Zivieri Massimo


Il 15 maggio 2014 a Bologna in via Pescherie Vecchie -

 

Che cosa succede quando due numeri uno dello stesso settore si mettono assieme per creare qualcosa di straordinario? Certamente, e in barba all’aritmetica, non potrà mai uscire un numero due, ma un super top, un numero uno all’ennesima potenza, ineguagliabile sotto ogni aspetto.

 

Così sarà a Bologna giovedì 15 maggio, quando alle 18.30 verrà presentata una nuova mortadella artigianale a base di carni di Mora Romagnola, la pregiata razza suina allevata allo stato semibrado che negli ultimi tempi sta conoscendo una grande rifioritura e le cui proprietà nutrizionali e organolettiche sono ormai note ai più.

 

E a creare questa meraviglia non potevano essere altro che due grandi del comparto carni e insaccati: da un lato il salumificio Pasquini & Brusiani di Bologna, dal 1954 produttore della migliore mortadella artigianale che si possa trovare sotto le Due Torri e nel resto del mondo, dall’altro la Macelleria Zivieri di Monzuno, celebre per le proprie carni scelte, gli allevamenti in proprio di razze pregiate come la Cinta Senese e, appunto, la Mora Romagnola, nonché protagonista di grandi eventi gourmet e fornitrice di alcuni tra i migliori chef della città.


 

Nella cornice golosa di RoManzo, il nuovo food corner creato da Zivieri e dallo chef Fabio Fiore della Trattoria Quanto Basta all’interno della restaurata galleria del Mercato di Mezzo, la nuova regina degli insaccati farà il proprio debutto innaffiata dalle bollicine d’oltralpe dello Champagne Laurent-Perrier, un evento in rosa a conferma dell'attenzione qualitativa dello spazio appena inaugurato nel cuore pulsante della Bologna più godereccia. 



di Gabriele Orsi