"Sementor 2014": un'occasione per seminare idee innovative a Palermo


Associazione neu [nòi] spazio al lavoro


Lunedì 12 Maggio 2014 presso la suggestiva cornice dell'Orto Botanico di Palermo, si è svolto l’incontro finale di "Sementor 2014", quarta edizione di un’iniziativa dedicata al verde, che ha lo scopo di incentivare il trasferimento a giovani talenti (semen) di conoscenza e competenza da parte di affermati esperti (mentor), per dare vita a idee progettuali innovative.
 
 
A dare vita a questa idea è stato un gruppo di soci di neu [nòi] (www.neunoi.it), il coworking nel centro storico di Palermo, che mira a portare in breve tempo una moltitudine di idee progettuali a uno stadio di concreta realizzabilità attraverso una serie di percorsi formativi tematici.
 
 
Sono state presentate dieci idee imprenditoriali innovative legate alla terra, all’agricoltura, all’orticoltura, all’uso,fruizione, valorizzazione di spazi verdi in genere, che cercano sinergie con quanti possono sostenerle con risorse, terra, lavoro e collaborazione, dando ai promotori la possibilità di realizzare il proprio sogno, legato all’immaginazione di un futuro più verde, sostenibile e legale per la nostra terra.
 
 
Le proposte imprenditoriali hanno spaziato dalla produzione di olio biologico da denocciolato al portale di servizi per turisti green; dalla creazione di un’azienda agricola con produzione tradizionale e servizi di vendita diretta innovativi all’asilo multiservizi immerso nel verde in un terreno confiscato alla mafia; dall’azienda agricola sociale con servizi di integrazione lavorativa per ex carcerati o soggetti in semilibertà a un parco canile in un terreno confiscato alla mafia; da un servizio di assistenza in campo agricolo anche attraverso Smartphone a un ristorante biologico-vegano dove si potranno gustare prodotti a chilometro zero; da un laboratorio permanente legato alla sostenibilità ambientale per creare forme di reciprocità nella vita del territorio al potenziamento di un servizio turistico su fuoristrada per riscoprire i percorsi delle regie trazzere siciliane.
 




di Laura Margheritino