Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)


Italia Buona


Nell’entroterra laziale ed in particolare nel territorio di Roviano, zona contadina ricca di tradizioni ancestrali, viene ancora oggi fatta una particolare frittella chiamata nel dialetto locale “Ju salavaticu”.


Il nome della fritella deriva dai suoi componenti, che sono farina, acqua, sale e mentuccia selvatica, che le da un caratteristico e gradevole odore di menta.


Trattandosi di un piatto povero e non particolarmente elaborato, un tempo veniva preparata dalle donne per i mariti che lavorano nei campi.


In pratica si mescolavano gli ingredienti e li si facevano saltare in padella con un po’ d’olio bollente fino a rendere le frittelle croccanti e profumate.


Al suo piatto antico e tradizionale, che richiama alla memoria storica la civiltà contadina di Roviano, piccolo borgo lungo il corso dell’Aniene tra Tivoli e Subiaco, a fine agosto è anche dedicata una Sagra, anche se, data la semplicità della preparazione, i Salavatici non mancano mai anche nelle numerose altre occasioni folkloristiche rovianesi.




di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)