La Vitamina D3





Come tutte le altre vitamine, anche quella classificata come Vitamina D3 ha un ruolo fondamentale per il benessere del corpo umano, soprattutto per quanto riguarda la salute delle ossa.

 

Come altre vitamine, anche la D3, il “colecalcifertolo”, viene fornita in natura dalla luce solare e serve per controllare l’assorbimento del fosforo e del calcio, regolare il metabolismo osseo e le funzioni neuromuscolari.


Infatti quando la pelle viene esposta ai raggi ultravioletti del sole, un composto simile al colesterolo viene convertito prima in un precursore della vitamina d, e dopo nella vitamina D3.


Dopo essere stata assorbita la vitamina viene attivata dagli enzimi del fegato e dei reni, e dopo l’attivazione funziona come un ormone che viene immagazzinato per lunghi periodi, rilasciando lentamente i suoi benefici effetti e contribuendo anche ad alleviare sintomi depressivi, molto comuni nelle persone che hanno scarsa esposizione al sole.



Tra l’altro essa può infatti apportare benefici anche a chi soffre di mal di schiena, cancro, insulino-resistenza e preeclampsia, una condizione che alcune donne sviluppano durante la gravidanza.

 

Le popolazioni nordiche con la pelle chiara, o che vivono nei luoghi freddi in cui il sole è poco forte, sono maggiormente predisposte ad assimilare tutto il poco sole a disposizione, e per questo producono tantissima vitamina D, contrariamente a quelle di pelle più scura che vivono dove i raggi solari sono più intensi.

 

frutti-di-mare- 


Tra le maggiori fonti di vitamina D3, oltre al sole, ci sono i frutti di mare, il latte con vitamina D3 aggiunta, i cereali e i prodotti a base di soia.


I pesci grassi sono considerati le migliori fonti alimentari di vitamina D, specialmente le aringhe, il pesce gatto, i salmoni, le trote così come anche il latte, il tofu, lo yogurt, la crusca ed i cereali arricchiti con la vitamina sono elementi di particolare importanza; l’unico vegetale che è una fonte naturale di vitamina D e che non ha bisogno di essere arricchito è il fungo.


Esistono numerosi integratori ricchi di vitamina D, in particolare la D2 e la D3, ma è essenziale non abusarne perché se si assume troppo calcio si rischia di ottenere l’effetto opposto, una eccessiva calcificazione delle ossa, oltre ad altri disturbi dell’apparato gastrointestinale.



di Redazione 35