Sapori della terra in villa: a Bagnarola di Budrio (Bologna) aprono il Desco e l'Osteria di Casa Emilia-Romagna


Accademia dei Notturni


Dal 25 giugno 2013 tutti i giorni tranne il lunedì a Bagnarola di Budrio (Bologna) -

 

Una splendida villa settecentesca, la quiete della campagna bolognese, le eccellenze enogastronomiche della tradizione culinaria petroniana e regionale. Prende il via martedì 25 giugno l’Estate sotto al Portico di Casa Emilia-Romagna, la nuovissima vetrina nata dall’iniziativa di Giovanni Tamburini dove stanno trovando – e in prospettiva troveranno sempre più – posto i picchi qualitativi di tutto ciò che l’enogastronomia emiliano-romagnola ha da offrire sul mercato sia a livello di prodotti che per ciò che concerne i piatti caratteristici.

 

La cornice sarà quella della neoclassica Villa Ranuzzi-Cospi a Bagnarola di Budrio, signorile dimora affrescata immersa nel verde dove ogni sera, lunedì escluso, sarà possibile degustare una cucina tradizionale, con riscoperta di specialità credute ormai desuete, realizzata mediante materie prime superbe e con il tocco del vero cuoco bolognese.


 

Due le formule: il Desco della Casa, ovvero un’unica grande table d’hôte ispirata alle tavolate imbandite delle dimore signorili di un tempo, dove capiterà di mangiare fianco a fianco a illustri sconosciuti e magari, complici il buon cibo e il buon vino, socializzare, stringere nuove amicizie e utili relazioni. Oppure, per chi cerca una dimensione maggiormente intima e più agile, l’Osteria, con la sua spettacolare grotta dove riposano a stagionare salumi, insaccati e formaggi del più nobile lignaggio che il cliente potrà scegliere personalmente a suo piacimento.

 

Diverse anche le proposte di cucina, tutte frutto della mano esperta dello chef Vito Renna: il Desco presenta un menù degustazione, che varia settimanalmente, a un costo fisso, mentre l’Osteria punta su taglieri di affettati e sottoli misti in una formula sempre a prezzo fisso inclusiva di vino e dessert.

 

Per la prima settimana il menù del Desco include per 25 euro vini abbinati inclusi una cena di cinque portate con spuma di mortadella o vellutata di patate e porri con crema di Ambra di Talamello, tagliolini al ragù di verdure e prosciutto croccante, rifreddo tradizionale fasciato di prosciutto o parmigiana di melanzane e zucchine, torta di riso e insalata di frutta, il tutto accompagnato dal pane mezzo sale e dalle coppie ferraresi dei panificatori bolognesi e innaffiato da Pignoletto Classico Docg dei Colli Bolognesi di Botti, Lambrusco di Castelvetro Doc di Casali e Albana dolce Docg di Celli.

 

Il giovedì poi sarà anche possibile sostituire il secondo con un piatto cucinato sulla grande griglia che verrà accesa davanti alla villa, scegliendo tra carni selezionatissime e a filiera controllata o un mix di verdure freschissime.

 

L’Osteria invece propone al costo di 15 euro un gran piatto a scelta di salumi, formaggi o entrambi con verdure fresche e sottoli, più un calice di vino e il libero accesso al buffet dei dolci e della frutta, con la possibilità di spaziare tra Parmigiano stravecchio, culatello di Zibello, mortadella di Bologna, salame rosa, formaggio di fossa di Sogliano, prosciutto di Langhirano e altre squisitezze. 



di Gabriele Orsi