Giovedì con Stefano Bugamelli: il Pignoletto, Vitigno e Vino autoctono dal successo assicurato


Stefano Bugamelli


Pignoletto non è vezzeggiativo di pignolo, anzi, si tratta di un vino sempre più importante; nella sua eccellenza dei Colli Bolognesi con la Docg ottenuta nel 2011 per la tipologia Classico Pignoletto, si dimostra apprezzatissimo dai consumatori e dalla critica.

 

Alcune caratteristiche del Pignoletto sono comuni a Pinot bianco e a Riesling italico; la mancanza di approfondimenti ampelografici ha causato fino al secolo scorso confusione fra questi vitigni; studi più recenti lo hanno definito vitigno autoctono con una sua ben precisa identità.

 

Su altri territori, i vitigni con lo stesso clone genetico "G5", assumono il nome di Rebola in provincia di Rimini, Grechetto di Todi in Umbria, altri sinonimi Occhietto, Pulcinculo, Pistillo, Strozzavolpe nelle Marche.

 

Testi romani di Plinio il Vecchio descrivono un vino chiamato Pino Lieto dalle caratteristiche particolarmente dolci; nel rinascimento altri testi richiamano a Uve Pignole coltivate vicino Bologna.
Attualmente è diffuso nella provincia di Bologna, di Modena e si estende anche in Romagna.

 

Il Pignoletto è un vitigno molto versatile; le sue uve raccolte ed elaborate con cura consentono di ottenere ottimi vini spumanti in metodo Martinotti e Tradizionale, frizzanti, fermi, passiti (sono ancora in pochi a produrre questa versione) e anche grappe. I suoi grappoli, dalla forma allungata e non troppo compatti, sono composti da acini di media dimensione che riportano un caratteristico puntino nero all’estremità distale.

 

Le caratteristiche organolettiche principali sono: il colore giallo paglierino, i profumi fruttati particolarmente di mela, fresco al palato, sapido e secco (ad esclusione dei passiti).

 

La vinificazione della versione Pignoletto Classico Docg offre sensazioni di notevole intensità e consente di essere gustato senza perdita di qualità anche dopo alcuni anni di maturazione; la sua gradazione alcolica può raggiungere i 15°.

 

Con vini di queste caratteristiche è possibile creare facili abbinamenti a ogni genere di preparazione di cucina, sia di mare, sia di terra.

 

Se sui Colli Bolognesi il Pignoletto Classico Docg rappresenta la massima espressione, debbono essere considerate anche le altre zone con le tipologie a Doc Colli Bolognesi, Colli di Imola e Reno che si estende lungo l’omonimo fiume sul territorio di pianura bolognese e modenese.

 

La Doc Reno è un area dalle notevoli quantità produttive ed è in grado di soddisfare mercati con grandissime richieste.




di Stefano Bugamelli




Non dimenticare di guardare anche...

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Bottarga specialità della gastronomia sarda

Giovedì con Stefano Bugamelli: L’Olio di Argan, benessere e salute dall’Argania Spinosa

Giovedì con Stefano Bugamelli: Apicoltori e Agricoltori per la salvaguardia dell’ambiente e della qualità

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Chiesa ha un nuovo Sommelier, Papa Bergoglio

Giovedì con Stefano Bugamelli: in Emilia Romagna è nato il Consorzio Regionale del Pignoletto

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Peperoncino, la spezia più amata

Giovedì con Stefano Bugamelli: Dalla Sardegna il formaggio per chi soffre di colesterolo alto

Giovedì con Stefano Bugamelli: il vino Torcolato di Breganze

Giovedì con Stefano Bugamelli: Gusto e benessere dagli agrumi

Giovedì con Stefano Bugamelli: Un Buon Natale 2014 consapevole

Giovedì con Stefano Bugamelli: Test positivo per il Pignoletto, vino dell'Emilia Romagna

Giovedì con Stefano Bugamelli: la carne equina, buona e discussa

Giovedì con Stefano Bugamelli: Acqua a Bagnacavallo, la città del vino Burson

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Kiwi si rinnova con il tricolore

Giovedì con Stefano Bugamelli: Merano Wine Festival, una marcia in più

Giovedì con Stefano Bugamelli: Sono troppo grassi i bambini italiani

Giovedì con Stefano Bugamelli: Dromedari e Cammelli, una risorsa alimentare in più

Giovedì con Stefano Bugamelli: Je suis Charlie

Giovedì con Stefano Bugamelli: Albana Dèi, la storia di un grande e antico vitigno prosegue

Giovedì con Stefano Bugamelli: Storie di mare e di montagna al SANA 2014 a Bologna

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Spergola, vitigno autoctono di Scandiano

Giovedì con Stefano Bugamelli: Viva le nonne per gli italiani a tavola!

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il professore di Bologna ci ha lasciati

Giovedì con Stefano Bugamelli: Le "Etichette" consultazione pubblica del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Giovedì con Stefano Bugamelli: La Melagrana, frutto funzionale per la salute della persona

Giovedì con Stefano Bugamelli: il Made in Italy è stile, gusto e tecnologia; ecco Fructae

L’altra Venezia: Laguna Veneta e Cavallino

Giovedì con Stefano Bugamelli: "Duschbere", il Tortellino di Baku (Azerbaijan)

Giovedì con Stefano Bugamelli: DegustiBO strumento di qualità per la Comunità del Gusto bolognese

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Noce, pianta per rinnovare l'agricoltura

Giovedì con Stefano Bugamelli: “TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO”

Giovedì con Stefano Bugamelli: “L’oro bianco di Pieve Roffeno”

Giovedì con Stefano Bugamelli: Stile Mediterraneo con i vini autoctoni di Emilia Romagna, Bulgaria e Grecia

Giovedì con Stefano Bugamelli: Che delizia la panna!!!

Giovedì con Stefano Bugamelli: Le Siepi di San Giovanni, nuovo polo agrituristico a Fontanelice (Bologna)

Giovedì con Stefano Bugamelli: Fiere e parcheggi di Bologna, qualcosa non va

Giovedì con Stefano Bugamelli: Il Panettone d’innovazione, grazie Dario!

Giovedì con Stefano Bugamelli: Sangiovese di Romagna, vino simbolo di un territorio

Giovedì con Stefano Bugamelli: lo stress della Vite fa bene al Vino

Giovedì con Stefano Bugamelli: "Santo Giorno" il formaggio brasiliano che parla bellunese

Giovedì con Stefano Bugamelli: Un Buon anno 2015, con Expo di Milano sul tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”

Giovedì con Stefano Bugamelli: Magis, il manuale di sostenibilità che assicura un futuro migliore al vino italiano