Italia Buona: La Cipolla di Sermide (Mantova)


Italia Buona


Nel territorio di Sermide e Felonica, in provincia di Mantova, c’è un ortaggio a rischio d’estinzione dopo una storia secolare; si tratta della “Cipolla di Sermide” che fin dal medioevo è stato presente sulle tavole delle famiglie più povere, guadagnandosi un posto su quelle dei nobili in epoca rinascimentale perché ritenuta un potente afrodisiaco.

 

Nella zona del mantovano questa varietà di ortaggio viene ancora oggi coltivato in quantità limitate, soprattutto quelli vicini al fiume Po, dove i terreni sono particolarmente fertili ed adatti a questa coltivazione; quelli più sabbiosi producono una cipolla dolce mentre quelli argillosi una più pungente.

 

La Cipolla di Sermide, seminata in autunno e raccolta a inizio estate, è di colore giallo paglierino, con bulbo di forma globosa, con un diametro di 50-80 mm. e un peso pari a 120-150 grammi; è composta per la maggior parte di acqua ed è ricca di vitamine B e C, di ferro, zolfo, fosforo, calcio, potassio e sodio, con solo 26 calorie per 100 grammi di prodotto. 



 

Una delle sue peculiarità è di poter essere conservata per un periodo non superiore ai tre mesi, caratteristica che ha influenzato le scelte dei coltivatori verso la coltivazione di altre varietà ibride di più lunga conservazione, finendo per fare della Cipolla di Sermide un prodotto a rischio d’estinzione.

 

Oggi, invece, la cipolla è apprezzata soprattutto per le sue caratteristiche nutrizionali e fitoterapeutiche, infatti ha proprietà diuretiche, depurative e regolatrici dell’intestino; aiuta a mantenere l’elasticità delle arterie, protegge il fegato e previene i disturbi della prostata.

 

La cipolla è anche indicata per i diabetici, poiché mantiene basso il livello di glucosio nel sangue, oltre a trovare largo impiego anche nei rimedi tradizionali, ad esempio, per alleviare i dolori di punture d’insetto e geloni oppure, grattugiata, contro l’acne.

 

Oltre alla Paglierina, nel territorio vicino al Po si producono le cipolle Dorata, Maggiolina e Borettana.

 

Nel territorio della bassa mantovana, la Cipolla di Sermide è l’ingrediente principale di una preparazione tradizionale contadina, il “tirot”, una focaccia che un tempo veniva, appunto, tirata nella teglia, e che era composta per la metà di cipolla, impastata con strutto e farina, che rappresentava la base dell’alimentazione di chi lavorava nei campi; viene inoltre utilizzata per la preparazione di sughi e torte salate, ma è ottima anche al forno.

 

Non tutti sanno, però, che la cipolla, da tempo immemorabile, viene utilizzata anche per scrutare l’avvenire: la crommiomanzia è infatti la divinazione per mezzo delle cipolle, per chiedere protezione dai demoni e dalle malattie, o per conoscere con anticipo il clima e le condizioni metereologiche dell’anno nuovo, oppure come oracolo d’amore, incidendovi il nome dell’amato: se poi la cipolla germoglia, il sentimento è ricambiato.



di Redazione 35




Non dimenticare di guardare anche...

Italia Buona: Il Gattò Aretino (Arezzo)

Italia Buona: I Sospiri di Ozieri (Sassari)

Italia Buona: L’Aglio Bianco Polesano (Rovigo)

Italia Buona: La Speuta, il farro maggiore dell’Irpinia (Avellino)

Italia Buona: I “Sospiri” di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)

Italia Buona: Sa Coccoi Prena (Ogliastra)

Italia Buona: La Cotognata (Siracusa)

Italia Buona: La Sopressa vicentina (Vicenza)

Italia Buona: I Magenzucker altoatesini (Bolzano)

Italia Buona: Le Ciuighe (Trento)

Italia Buona: Il Formaggio Acceglio (Cuneo)

Italia Buona: Il Salame di Frattula (Ancona)

Italia Buona: Le Fragole di Maletto (Catania)

Italia Buona: Il Tortiglione di Penna in Teverina (Terni)

Italia Buona: Il pane di Laterza (Taranto)

Italia Buona: Funghi: varietà e ricette

Italia Buona: Gli Asparagi di Zambana (Trento)

Italia Buona: La Spongata di Brescello (Reggio Emilia)

Italia Buona: I Salavatici di 
Roviano 
(Roma)

Italia Buona: La Panicella di Splerlonga (Latina)

Italia Buona: I Marubini di Casteldidone (Cremona)

Italia Buona: Il Maiorchino di Novara di Sicilia (Messina)

Italia Buona: il Montebore della Val Borbera (Alessandria)

Italia Buona: I Murzitti di Subiaco (Roma)

Italia Buona: I Barbagiuai di Ventimiglia (Imperia)

Italia Buona: Il formaggio Morlacco del Monte Grappa (Vicenza)

Italia Buona: Il Culatello di Zibello, il Re dei Salumi (Parma)

Italia Buona: Il Paddaccio del Pollino (Potenza)

Italia Buona: La Colatura Tradizionale di Alici di Cetara (Salerno)

Italia Buona: La Miascia (Lecco)

Italia Buona: Lo Sprusciat di Castel del Giudice (Isernia)

Italia Buona: Le pesche nettarine di Romagna

Italia Buona: La Cipolla Ramata di Montoro (Avellino)