Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 83

Deprecated: Function ereg() is deprecated in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 33

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php:83) in /home/customer/www/mondodelgusto.com/public_html/index.php on line 193
Il ”LIMONE DELL'ETNA” è IGP. Teresa Bellanova: ”conferma della qualità ed eccellenza dell'agricoltura siciliana”.


Il ”LIMONE DELL'ETNA” è IGP. Teresa Bellanova: ”conferma della qualità ed eccellenza dell'agricoltura siciliana”.





di Andrea Di Bella

Il “Limone dell’Etna” diventa IGP. Lo comunica Coldiretti Sicilia su Facebook, in quanto il 22 ottobre 2020 è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale UE il regolamento che ufficializza la registrazione dell’Indicazione geografica protetta portando a 34 i riconoscimenti dell’Isola. Un altro  importante  tassello  per i prodotti che negli anni sono riusciti a garantire una maggiore valorizzazione dell’agricoltura siciliana.

I Limoni dell’Etna © Andrea Di Bella

Il riconoscimento della tutela Ue arriva per "lo sviluppo e maturazione in un ambiente climatico molto specifico, costituito da suoli di origine vulcanica come si legge in una nota della Commissione europea - associati ad un clima temperato dal mare" e per la "particolare tecnica di coltivazione, che consente la produzione estiva e che ancora oggi caratterizza la zona costiera di Acireale".



La Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Teresa Bellanova, in un post sul suo profilo Facebook, ha commentato la notizia: “Ancora una volta la conferma della qualità ed eccellenza dell'agricoltura siciliana. I limoni dell'Etna ottengono la certificazione IGP dall'UE. Una bella notizia per questi splendidi prodotti, coltivati sulle pendici dell'Etna da oltre 200 anni: la loro tutela e valorizzazione è una opportunità importante di sviluppo per un territorio peculiarissimo, una zona di pregio Patrimonio dell'Unesco, vera e propria eccellenza del Made in Italy. Ma anche, direi soprattutto, il riconoscimento a un lavoro puntuale portato avanti in questi anni e ai produttori riuniti in associazione dal 2014, segno significativo di quanto sia importante fare rete e sistema”.


Per Coldiretti Sicilia, “Un altro importante tassello per il Sud. Il limone dell’Etna potenzia un’area di grande valore anche paesaggistico perché il vulcano connota e distingue tutto quello che si produce alle falde, conferendo quindi un maggiore riconoscimento”.


La crescita della nostra Regione – afferma Francesco Ferreri, presidente Coldiretti Sicilia – è legata anche alla capacità di imboccare un modello di sviluppo che trae nutrimento dai punti di forza che sono il proprio patrimonio agricolo legato a quello ambientale e paesaggistico”.


Un traguardo importante raggiunto dopo diversi anni e dopo un laborioso iter legislativo. Già nel giugno del 2014 alcuni imprenditori agrumicoli, le cui aziende operano nell’area identificata dal disciplinare, si erano riuniti in associazione allo scopo di promuovere e tutelare i propri prodotti. A tale scopo, oltre a registrare il Marchio Geografico Collettivo “Limone dell'Etna”, nel novembre del 2015 era stata avviata la pratica per la registrazione della Indicazione Geografica Protetta (IGP) Limone dell'Etna.

La Riviera dei Limoni dell’Etna © Andrea Di Bella

Con il nome “Limone dell'Etna” vengono indicati i limoni coltivati da più di 2 secoli lungo la fascia costiera Ionico-Etnea della Sicilia orientale, (LEGGI ARTICOLO), in un’area compresa tra il fiume Alcantara, a nord, ed il confine settentrionale del comune di Catania. Include i territori dei comuni di: Aci Bonaccorsi, Aci Castello, Aci Catena, Aci Sant'Antonio, Acireale, Calatabiano, Castiglione di Sicilia, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Mascali, Piedimonte Etneo, Riposto, Santa Venerina, San Gregorio di Catania, Valverde, Zafferana Etnea. Le varietà utilizzate sono il “Femminello” e il “Monachello”.


Sono il terreno di natura vulcanica, la cosiddetta “sciara”, e le caratteristiche climatiche e pedologiche dell’areale di produzione a conferire elementi distintivi di qualità, raramente presenti in contemporanea in altre zone di produzione.  Terreni che risultano molto fertili, grazie ad un pH subacido, poveri di calcare, più o meno profondi e ricchi di elementi nutritivi e di sostanza organica; temperature fortemente condizionate dalla vicinanza del Mar Jonio e dalla presenza del complesso vulcanico dell'Etna; disponibilità di acqua di ottima qualità, il soleggiamento elevato e la predominanza di venti di Levante, Scirocco e Grecale.


La specificità del “Limone dell'Etna” è basata principalmente sulla elevata qualità degli oli essenziali della buccia e sulle pregiate caratteristiche chimico-fisiche del succo (elevata resa in succo, alto livello di acidità e solidi solubili) riscontrate nelle cultivar ‘Femminello’ e ‘Monachello’.

Limoneti ad Acireale © Andrea Di Bella


Un’altra specificità territoriale è la ‘forzatura’ o ‘secca’, una particolare tecnica colturale adottata dai produttori locali che  si tramanda da tempi antichi, di generazione in generazione, su questi terrazzamenti che guardano il mare.


In pratica, si attua nei mesi di giugno/luglio l'interruzione dell'irrigazione. Si induce, in questo modo, uno stress idrico nella pianta e, dopo tale periodo, attraverso abbondanti irrigazioni e concimazioni rinvigorenti a base di azoto si sveglia la pianta dal forzato letargo provocando una seconda fioritura a fine agosto. Nasce, così, il limone estivo, il 'Verdello'.


Nell’Elenco delle denominazioni italiane, iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette (DOP) e delle indicazioni geografiche protette (IGP), la Sicilia arricchisce la lista già abbastanza nutrita dei prodotti siciliani tutelati da un marchio territoriale. Merito di un prodotto fortemente distintivo di un territorio e di produttori decisamente motivati e determinati.



di Andrea Di Bella