Accordo Slow Food Italia e Gruppo Autogrill: da febbraio prodotti e libri negli scaffali


Slow Food


 

A cura di ANDREA DI BELLA

A partire da febbraio 2018, gli automobilisti potranno gustare in Autogrill i prodotti a marchio Slow Food delle aziende agricole e artigiane di qualità del territorio attraversato.

L’iniziativa coinvolge, inizialmente, quattro Autogrill in Lombardia ed Emilia-Romagna: l’obiettivo è quello di offrire ad aziende agricole e artigiane che producono cibi di qualità la possibilità di raggiungere il grande pubblico e allo stesso tempo permettere a chi viaggia lungo le strade italiane di avere un assaggio di prodotti del territorio che si sta attraversando, normalmente non reperibili nei grandi canali distributivi.

Una collaborazione tra Slow Food Italia e il Gruppo Autogrill. Un accordo che inizialmente coinvolgerà quattro aree di sosta: Autogrill Villoresi Est lungo la Milano Laghi A8, Autogrill Sebino sulla Torino-Trieste A4 e due punti vendita, Bistrot Fiorenzuola d’Arda e Bistrot Bologna Cantagallo, nel tratto emiliano-romagnolo della Milano-Napoli A1.


Nei quattro Autogrill i viaggiatori troveranno uno o più scaffali dedicati ai prodotti selezionati da Slow Food Italia, tra cui anche alcuni Presìdi Slow Food, e le principali novità editoriali di Slow Food Editore. Lo spazio sarà identificato con la Chiocciola, simbolo dell’associazione.

"Abbiamo avviato la collaborazione con il Gruppo Autogrill con l’obiettivo di aprire una finestra sul territorio che ospita ogni punto vendita, per far conoscere agli automobilisti che viaggiano lungo le autostrade italiane la sorprendente varietà di prodotti artigianali di qualità che ogni luogo di questa nostra Penisola sa esprimere. Presentare alcune di queste eccellenze selezionate da Slow Food Italia nelle aree di sosta Autogrill vuole essere un invito a scoprirle e a sostenerle con i nostri acquisti, ma anche a rallentare il viaggio per andare a conoscerle direttamente, insieme alle storie dei produttori agricoli e degli artigiani che con il loro lavoro quotidiano costruiscono quel ricco tessuto economico che fa grande l’Italia"  dichiara Daniele Buttignol, segretario generale di Slow Food Italia.

"Da molti anni collaboriamo con l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo – ne è un esempio il concept Bistrot – che riflette l’evoluzione della cultura dell’alimentazione attenta alla valorizzazione delle eccellenze italiane locali e al recupero di pratiche di lavorazione artigianale – questo nuovo progetto con Slow Food Italia costituisce un’ulteriore frontiera della collaborazione e ha lo scopo più ampio di lavorare assieme alla valorizzazione e al miglioramento dell’offerta commerciale di Autogrill nell’ambito dei propri punti di vendita promuovendo valori che ci accomunano, e, naturalmente, ancora una volta, di valorizzare il territorio e le sue ricchezze. Infine di far conoscere, con uno spazio dedicato e curato da Slow Food Italia e grazie alla nostra presenza sulla rete autostradale, dei prodotti di assoluta eccellenza" ha commentato Ezio Balarini, Chief Marketing Officer di Autogrill.

Tra le specialità della Lombardia e dell’Emilia-Romagna che si potranno trovare in questa prima fase sperimentale, paste e conserve, confetture e birre, cioccolata e biscotti. Dalla Bassa cremonese arrivano maccheroni, spaghetti, penne e fusilli prodotti solo con grano duro e kamut coltivati in regime biologico in Italia dai soci della Cooperativa agricola Iris di Casteldidone.

Rappresenta il grande fermento brassicolo che sta attraversando la Penisola, il Birrificio Elav di Comun Nuovo, nel bergamasco, con una selezione di cinque etichette: Grunge IPA, Indian Ale, No War, Punks Do It Better e Uppercut IPA.

Dal varesotto arrivano le specialità dell’arte cioccolataia di Buosi, presente con alcuni assaggi della sua ricca pralineria e con i curiosi cucchiaini di cioccolato. La storica cioccolateria Bardini di Piacenza si racconta grazie a una selezione di monorigine da Venezuela, Equador, Colombia e Cuba, e un ricercato blend, tutti rigidamente senza aromi e conservanti.

Chiude la selezione un assaggio della biscotteria lombarda: dalla tradizione pavese, le offelle di Parona, tradizionali e al cacao, prodotte dal Forno Collivasone, mentre la Pasticceria Veniani di Gavirate, nel varesotto, ci offre i suoi Brutti ma Buoni, secondo la ricetta originale del 1878.

Ospiti d’onore al di fuori del territorio di Emilia-Romagna e Lombardia saranno il Presidio Slow Food del riso di Grumolo delle Abbadesse e la farina di mais biancoperla tradizionale dal Veneto, anch’esso Presidio Slow Food. Grumolo delle Abbaddesse è un piccolo comune a metà strada tra Vicenza e Padova, dove il vialone nano, coltivato fin dal Cinquecento, risulta eccellente grazie alle caratteristiche del terreno e delle acque. La stessa zona offre anche un altro prodotto unico, il mais biancoperla tradizionale, da cui si ricava una polenta bianca insuperabile in abbinamento con i piatti di pesce di fiume e di laguna.

E infine, la selezione di caffè dei Presìdi Slow Food: il Terre alte di Huehuetenango dal Guatemala e il selvatico della Foresta di Harenna dall’Etiopia. A Huehuetenango il caffè viene coltivato all’ombra di alberi ad alto fusto fino a 1900 metri di altitudine, per poi essere fermentato subito dopo la raccolta ed essiccato al sole, mentre l’Etiopia, da cui ha origine il caffè, è l’unico paese in cui si trovano piante allo stato selvatico: un viaggio a ritroso fino alle origini della bevanda più amata dagli italiani.

Passando ai libri, tra le pubblicazioni di Slow Food Editore si potranno trovare i bestseller Osterie d’Italia 2018 e Slow Wine 2018 e le antologie della cultura gastronomica regionale ricette di Milano e Lombardia e Ricette di Emilia-Romagna.

La collaborazione tra Slow Food Italia e Autogrill Spa sarà estesa, prossimamente, in altri punti vendita lungo la rete autostradale italiana.
 



di Andrea Di Bella




Non dimenticare di guardare anche...

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

Food for Change: la rivoluzione di Terra Madre Salone del Gusto 2018. Il Mercato torna a Lingotto Fiere

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Slow Food dalla Cina lancia Menu for Change: «Cambiamo il sistema alimentare, fermiamo il cambiamento climatico»

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

A Cheese 2017, Slow Food lancia un segnale politico forte con gli "Stati generali del latte crudo"

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Carlo Petrini, Slow Food, lancia “Laudato si'”, rete di comunità per giustizia sociale, ecologia e solidarietà

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

La Buona Strada, un progetto di Slow Food Italia di crowdfunding per le aree terremotate del Centro Italia

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

Petrini: “Non c’è qualità alimentare senza rispetto dell’ambiente”. La campagna di Slow Food Menu for Change sul clima

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina