Alta Langa Docg, lo spumante italiano del futuro, a Vinitaly 2017 di Verona


Consorzio Tutela Alta Langa metodo classico


 

A cura di  ANDREA DI BELLA

Il Vinitaly che si aprirà a Verona domenica 9 aprile sarà l’occasione per degustare l’Alta Langa Docg.

I vini dei produttori del metodo classico piemontese saranno presenti nello spazio istituzionale del Consorzio Piemonte Land of Perfection (Padiglione 10 Area G2).
Cartina di produzione

L’Alta Langa sarà anche protagonista di un seminario di Slow Wine e Slow Food, mercoledì 12 aprile alle 11.


Sotto la guida di Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni nella Sala Iris - Palaexpo, ingresso A1 (piano -1) si degusteranno otto campioni di altissimo livello spaziando dall’annata 2008 fino alla più giovane 2013 (Avezza Paolo - Alta Langa Metodo Classico 2013; Bera Valter - Bera Brut Alta Langa 2010; Brandini - Alta Langa Brut 2010; Enrico Serafino - Alta Langa Zero Brut 2010; Fontanafredda - Vigna Gatinera Brut 2008; F.lli Gancia - Alta Langa DOCG Riserva 60 Mesi 2009; Germano Ettore - Alta Langa Brut 2013; Giulio Cocchi - Alta Langa Pas Dosè 2008).
Differenti millesimi, differenti stili e differenti terreni per un viaggio attraverso quello che è stato definito “lo spumante italiano del futuro”.



Ingresso gratuito su prenotazione scrivendo a m.menegaldo@slowfood.it

Questo l’elenco delle case spumantiere che partecipano alla kermesse veronese: 

  • Fratelli Gancia: PADIGLIONE 10 STAND B2
  • Banfi: PADIGLIONE 9 TOSCANA STAND D6
  • Bera Valter:  PADIGLIONE 10 STAND M2
  • Fontanafredda: PADIGLIONE 10 STAND P3
  • Brandini: PADIGLIONE 10 STAND P3
  • Giulio Cocchi: PADIGLIONE 10 STAND Q3
  • Colombo: PADIGLIONE 10 STAND Q2
  • Germano Ettore: PADIGLIONE 10 STAND H2I2

-----------------------------------------------
ALTA LANGA, ALTE BOLLICINE PIEMONTESI
- Prodotto ottenuto da uve Pinot Nero e Chardonnay, Alta Langa può essere solo millesimato e coltivato in vigneti sopra i 250 metri s.l.m. in una zona limitata delle province di Asti, Alessandria e Cuneo.
L’Alta Langa possiede notevole ampiezza dei profumi e complessità, caratteristiche che si sviluppano grazie all’affinamento sui lieviti che avviene per non meno di trenta mesi in bottiglia. È prodotto come brut (bianco e rosé) e può diventare Riserva con più lunga permanenza sui lieviti nei migliori millesimi.
 



di Andrea Di Bella