VINISSAGE 2016: Il Salone del vino artigianale, biologico, biodinamico e naturale ad Asti


Città di Asti – Servizio Turismo e manifestazioni


A cura di ANDREA DI BELLA

Presentata a Torino la decima edizione di Vinissage, la più importante vetrina piemontese sui vini naturali provenienti da agricoltura biologica e biodinamica che la Città di Asti organizza in collaborazione con l'associazione delle Città del Bio e Officina Enoica.


Il 28 e 29 maggio 2016 il mondo dell’agricoltura naturale e consapevole sarà in scena presso il centro fieristico Enofila di Asti, a testimoniare che la qualità dei vini nasce in una vigna sana, con un attento lavoro tra i filari e un grande impegno in cantina.


Una due giorni che offre agli appassionati un’esperienza di viaggio nel mondo della produzione biologica del nostro Paese, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia. Saranno presenti i vignaioli che coltivano e producono seguendo i canoni dell’agricoltura biologica o biodinamica certificata, nel rispetto del territorio, della vite, della natura e della biodiversità.


Vinissage offre al pubblico la possibilità di parlare direttamente con chi sta in vigna e come si produce  oltre che assaggiare e acquistare.


Il vino biologico negli ultimi anni sta riscontrando un successo straordinario: dal 2005 al 2014, la superficie coltivata biologicamente è più che raddoppiata, passando dai 30 mila ai 70 mila ettari. Anche il numero di cantine biologiche registra un aumento dal 2013 al 2014 con un + 28%.


Un appuntamento che coinvolge e seduce tantissimi appassionati, con un programma molto ricco fuori e dentro il salone: dal Forum sui Biodistretti ai Laboratori sensoriali; Bioaperitivi e Cene vegane; domenica 29 Sua Maestà la Barbera festeggia 70 anni a suon di assaggi; anche la Falanghina campana si racconta. Un’esperienza che va oltre le etichette e le bottiglie.


“Quest’anno la Regione Piemonte è particolarmente vicina a Vinissage, afferma Giorgio Ferrero, assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte. Vinissage si occupa di un settore in crescita includendo importanti aziende a livello regionale. Un ruolo importante, che la manifestazione può ricoprire con autorevolezza e che aggiunge un altro importante tassello allo straordinario mosaico dell’enologia piemontese”.


Anche Andrea Cerrato, assessore al Turismo e all’Agricoltura del Comune di Asti, esprime parole di elogio per la rinnovata attenzione della città per la cultura del vino sostenibile: “ La città di Asti, tra le prime in Italia, ha creduto nel biologico e da dieci anni organizza una delle manifestazioni più apprezzate nel nostro Paese dai bioproduttori e dai consumatori. E quest’anno, grazie alla collaborazione con le Città del Bio, Vinissage si apre anche al food”.


Asti vi aspetta tra le bellezze del suo territorio, da vivere e da narrare.

 

LEGGI IL PROGRAMMA IN DETTAGLIO

 

 



di Andrea Di Bella