Settimana della Prevenzione Oncologica 2014: a Bologna la salute è in una bottiglietta d'olio


Lilt - Sezione Provinciale di Bologna

(vedi mappa)
Email: bologna@lilt.it


Date ed orari:
dal 16 marzo 2014 al 23 marzo 2014


Dal 16 al 23 marzo 2014 a Bologna e provincia -

 

La dieta mediterranea, e più in generale un’alimentazione corretta e bilanciata, come efficace strumento per la prevenzione dei tumori. Non è certo una novità, da tempo esperti e addetti ai lavori ci raccomandano un comportamento responsabile a tavola per tenere a bada le patologie più pericolose e, a più ampio raggio, per mantenerci in salute, ciò non toglie che il livello di attenzione sulla materia non vada mai abbassato e che una corretta informazione, specie verso i più giovani e le fasce di popolazione meno istruite, sia sempre indispensabile.

 

A questo si rivolge la Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, l’appuntamento annuale organizzato dalla Lilt-Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, la cui 13esima edizione si svolgerà dal 16 al 23 marzo su tutto il territorio nazionale e che a Bologna può contare sul sostegno di Confcommercio Ascom, Coldiretti e Fondazione Campagna Amica.


 

Sette giorni di appuntamenti mondani e conviviali, convegni e banchetti informativi, dove i rappresentanti e gli esperti della Lilt porteranno di volta in volta il loro messaggio corredato da una serie di consigli utili e pratici che tutti possono mettere in pratica per una vita più sana. Il focus di quest’anno, in particolare, sarà incentrato sul ruolo dell’obesità e del sovrappeso infantile e adolescenziale come fattore di rischio favorente lo sviluppo di tumori, cosa dimostrata di recente da un numero crescente di studi sull’argomento e che pone ancora di più all’attenzione la necessità di una giusta educazione alimentare e salutistica sin dalla primissima età.

 

Altra novità di questa edizione 2014 sarà la convenzione sottoscritta con il Distretto 108 Tb Italy del Lions Club per favorire la diffusione capillare del Progetto Martina: parliamo ai giovani di tumori, ispirato all’eredità morale di una giovane scomparsa prematuramente a causa di un tumore mammario e rivolto agli studenti delle scuole superiori per una maggiore informazione in materia di prevenzione e diagnosi precoce dei tumori più frequenti nei soggetti giovani.

 

Tra gli appuntamenti in cartellone il 16 marzo il tradizionale torneo al Golf Club Le Fonti di Castel San Pietro Terme, il 18 marzo alle 17 presso la Casa della Conoscenza di Casalecchio di Reno l’incontro pubblico con degustazione dell’olio extravergine d’oliva della Lilt e di prodotti naturali, e il 20 marzo alle 20 la cena di solidarietà alla Casa dei Popoli di Casalecchio.

 

I banchetti informativi invece si troveranno il 18 marzo alla Coop di Zola Predosa, il 19 marzo al mercato contadino di Campagna Amica in via del Gomito, dietro la sede di Coldiretti, e alla Coop di Casalecchio, la mattina del 20 marzo e tutto il 21 marzo in via Orefici e il 22 marzo alla Coop di Sasso Marconi.

 

Presso tutti questi banchetti sarà possibile non solo ricevere materiale informativo, consigli utili e informazioni sulle prenotazioni di esami diagnostici, ma anche acquistare a offerta libera la tradizionale bottiglietta di olio extravergine d’oliva della Lilt, simbolo ormai consolidato di una dieta equilibrata e salutare.

 

«Su questi temi – è il commento di Donatella Bellini, vicepresidente di Confcommercio Ascom Bologna – una corretta informazione è fondamentale, e parliamo di consigli pratici utilissimi che a volte contano più della medicina stessa. E’ necessario acquisire sin dall’infanzia le basi di una buona educazione alimentare, e se certi consigli provengono da fonti esperte e autorevoli magari sarà anche più facile tener fede ai buoni propositi».

 

«Nel 2013 – spiega il professor Domenico Francesco Rivelli, presidente della Lilt di Bologna – abbiamo avuto 366mila ammalati di tumore, di cui il 45 per cento donne e con l’esclusione di melanomi e carcinomi della cute. I generi di tumore più frequenti in generale sono quello al colon-retto e quello al polmone, mentre nelle donne è ricorrente il tumore alla mammella, in crescita però anche negli uomini. Sono in aumento i casi di tumore alla tiroide e di linfomi Hodgkin e non-Hodgkin, mentre per gli uomini c’è anche una crescita dei tumori alla prostata. I soggetti deceduti sono stati 173mila, di cui 98mila di sesso maschile».

 

«Rimane però – prosegue Rivelli – un forte deficit di comunicazione verso i giovani, che ora speriamo di colmare grazie a questa convenzione che abbiamo sottoscritto con il Progetto Martina dei Lions che ci consentirà di andare a parlare direttamente nelle scuole. Esistono infatti determinati tipi di tumore, come quello ai testicoli, quello alla cervice uterina, i linfomi e lo stesso tumore alla mammella, che hanno una particolare incidenza in giovane età e di cui i ragazzi sanno praticamente poco o nulla».

 

«Trovo utilissimo – sottolinea Fernanda Paganelli, governatore del Distretto 108 Tb Italy dei Lions – il coinvolgimento dei giovani con la possibilità di farli parlare con persone informate ed esperte in questo campo. In un momento difficile per la società, dove anche i valori sono venuti meno, noi dobbiamo essere d’esempio. Sarebbe però ottimale riuscire a raggiungere un protocollo a tre con l’inclusione anche del Ministero dell’Istruzione, in modo da non dover fare accordi separati da scuola a scuola».

 

«I punti di forza del Progetto Martina – aggiunge Simonetta Vinelli, responsabile scientifico del service – sono sostanzialmente tre: primo è attivo su tutto il territorio nazionale, il che comporta una metodologia uniforme di approccio. Poi c’è l’approccio stesso, che utilizza con i giovani la loro stessa lingua, senza logiche del divieto e monitorando un ampio database di soggetti grazie a questionari anonimi. E infine il collegamento con il mondo della ricerca scientifica e il coinvolgimento dei genitori attraverso appositi incontri».

 

«Siamo ben lieti – afferma Francesca Santerini, responsabile Campagna Amica di Coldiretti Bologna – di essere ancora una volta al fianco della Lilt in un’ottica di valorizzazione dei prodotti italiani al 100 per cento. Perciò anche quest’anno nel nostro mercato contadino ospiteremo i volontari Lilt che proporranno in vendita la tradizionale bottiglietta di olio extravergine d’oliva contribuendo in questo modo a dare una mano alla diffusione di questo messaggio di prevenzione».

 

«Circa un terzo dei tumori – chiosa e conclude Sara Bergonzoni, dottoressa in dietistica – può essere evitato semplicemente attraverso un’alimentazione corretta e una moderata attività fisica. Una dieta mediterranea e a chilometri zero, basata sui prodotti di stagione, protegge contro i disordini metabolici e mantiene sotto controllo la massa grassa, tutti fattori che possono provocare l’insorgere di malattie quali l’obesità, il diabete e ovviamente anche i tumori. Nel blog www.dietisteinerba.it, che gestisco assieme a una collega, proponiamo tantissime ricette salutari ma anche consigli nutrizionali per adattare in senso salutistico ricette tradizionali, in maniera da non perdere mai il gusto per il cibo». 



di Gabriele Orsi