Slow Food: “il Decreto Rilancio dedica attenzione all’agricoltura, ma non è ancora abbastanza”


Slow Food

Email: info@slowfood.it


Date ed orari:
dal 22 maggio 2020 al 31 dicembre 2020


L’appello rivolto al Governo italiano, sottoscritto a oggi da oltre 7000 tra cuochi, artigiani del cibo, contadini, allevatori, accademici, politici e cittadini, chiede di sostenere, con iniziative concrete, la filiera agroalimentare attenta alla salute dell’uomo e dell’ambiente e la ristorazione di qualità

di ANDREA DI BELLA

Un Paese che dimentica la terra è un Paese debole, un Paese che non valorizza i suoi contadini, pescatori, pastori, artigiani è un Paese che non sa riconoscere la bellezza e non ha il coraggio di coltivare il sogno”. “La cucina italiana è una lunga catena dalle maglie fitte, ogni maglia rappresenta un contadino, un allevatore, un casaro, una trattoria, un ristorante, un'osteria, un pescatore, un vignaiolo, un pastaio. Oggi questa catena è più fragile, molti anelli si sono indeboliti e necessitano dell’aiuto di tutta l’Italia prima che si spezzi”. Sono queste le parole con cui Massimiliano e Raffaele Alajmo, del pluristellato ristorante Le Calandre di Sarmeola di Rubano (Padova), hanno accompagnato la propria firma all’appello Ripartiamo dalla terra.  

Appello rivolto al Governo italiano, sottoscritto a oggi da oltre 7000 tra cuochi, artigiani del cibo, contadini, allevatori, accademici, politici e cittadini, che chiede di sostenere, con iniziative concrete, l’agricoltura che rispetta l’ambiente e l’uomo e la ristorazione di qualità.


L’iniziativa, voluta dai cuochi che aderiscono al progetto dell’Alleanza Slow Food, mette in evidenza come sia necessario per la ripartenza dopo il Covid-19 un grande gioco di squadra che coinvolga tutta la filiera agroalimentare, i ristoranti e i consumatori, perché come ci ricorda Oskar Messner dell’Osteria Pitzock in Val di Funes (Bolzano): "I produttori mettono l’anima nel lavoro che fanno, per noi cuochi il compito è portare quest’anima nel piatto, rispettandola e raccontandola".


Non va dimenticato, infatti, che la cucina italiana è grande anche grazie a produttori di piccola scala già stretti dalla morsa della grande distribuzione e della produzione massiva, che questa pandemia ha mandato ulteriormente in crisi. "Ad oggi 184.000 ristoranti coprono il 13% del PIL del Paese e assorbono dal 30 al 40% dei prodotti coltivati sul suolo nazionale. Siamo un fiore all’occhiello e rappresentiamo i valori italiani anche all’estero, vogliamo essere ascoltati e trattati con dignità" sottolinea Cesare Battisti del Ratanà di Milano, segretario generale dell’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto.


Il Decreto Rilancio, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 19 maggio, riserva grande attenzione all’agricoltura. Oltre a uno stanziamento consistente di risorse, prevede provvedimenti importanti, come la possibilità di usufruire della cassa integrazione o di accedere ad agevolazioni e bonus. Ma non basta. Bisogna lavorare affinché gli stanziamenti vadano a premiare l’agricoltura e le filiere autenticamente sostenibili e in particolare, come si chiede nell’appello: “(…) estendere il credito d'imposta agli acquisti di prodotti agricoli e di artigianato alimentare di piccola scala legato a filiere locali, in una misura pari almeno al 20%, da aumentare al 30% nel caso in cui tali aziende pratichino un’agricoltura biologica, biodinamica, o siano localizzate in aree marginali, disagiate e di particolare valore ambientale del nostro Paese”.

Proposte essenziali per costruire un futuro diverso e trarre un insegnamento da questa pandemia, perché i veri nemici da abbattere “saranno ancora la perdita di biodiversità, l’erosione del territorio, l’inquinamento dell’aria, dell’acqua, l’impoverimento della fertilità nei nostri terreni, la cementificazione, l’abbandono delle aree rurali e dei piccoli borghi, lo spreco alimentare, lo sfruttamento del lavoro, l’indifferenza per chi produce con attenzione alle ragioni e ai tempi della natura e l’individualismo, che fa prevalere l’io sul senso di comunità. Se vogliamo porre le basi di un futuro diverso dobbiamo cambiare prospettiva”. "Dobbiamo ripartire dalla solidarietà sociale, dall’economia di relazione e da un grande impegno collettivo per dare valore al territorio e alla sua cultura" spiega Roberta Capizzi, titolare del ristorante Me Cumpari Turiddu, nel centro di Catania e fra le prime firmatarie. "Per questo sosteniamo l’appello di Slow Food".

Tutti insieme possiamo farcela. Bisogna però avere la volontà di mettere in atto un cambiamento vero. Occorre correggere il paradigma della produzione e distribuzione dei prodotti agricoli e avere il coraggio di dire molti “basta”: all’uso di pesticidi, a derrate alimentari che fanno il giro del mondo o sono prodotte a danno degli ecosistemi, a monoculture e allevamenti intensivi.

Non a caso l’appello ha raccolto moltissime adesioni da parte dei parchi italiani. "Da dieci anni nel nostro parco abbiamo avviato una intensa collaborazione tra agricoltori, allevatori locali, piccoli artigiani e ristoranti del territorio e pensiamo che sia questa la strada giusta. Per questo l’appello ci trova assolutamente d’accordo" afferma Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Slow Food auspica che i proclami per un’agricoltura più green, più equa e più rispettosa dell’ambiente, di chi produce e consuma diventino al più presto realtà e che la politica sappia tradurre questa forte esigenza in provvedimenti costruttivi a partire da subito e chiede un intervento in questa direzione nell’iter parlamentare che attende il Decreto Rilancio. 





Scrivi a "Slow Food"

Nome:
Email:
Telefono:
Richiesta:
 
 



Non dimenticare di guardare anche...

"Slow Food Day" per spegnere le 30 candeline del movimento: festa in tutte le piazze d’Italia!

L’Italia ribadisce il suo no agli Ogm ma l’Europa non si schiera: il parere di Slow Food

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: ultime novità da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, è Ambasciatore Speciale della FAO in Europa per Fame Zero

Al via Terra Madre Giovani. Petrini: “Voi testimoni che questa idea andrà avanti per tanto, tanto tempo”

A Geo Magazine i Presìdi Slow Food del Piemonte: protagonisti il Macagn, formaggio di montagna, e i mieli della Val Maira

Terra Madre Salone del Gusto di Torino: Storie di legalità dalle filiere virtuose dell'agroalimentare

"Terra Madre Salone del Gusto 2016". Petrini: a settembre a Torino ospitiamo gli intellettuali del cibo!

“Laudato si’”, l’enciclica del Papa vista da Slow Food: “Auguriamo possa segnare la vita politica di molti Governi”

Terra Madre Salone del Gusto fuori dal Lingotto: l’edizione 2016 a fine settembre nel cuore di Torino

“Poesia e Utopia vere risorse dell’economia dell’Italia”: così Carlin Petrini apre “Cheese” 2013 a Bra (Cuneo)

“Il cibo in Tv è solo diffusa pornografia alimentare”. Così Carlin Petrini alla presentazione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014 di Torino

Slow Food a Vinitaly: Etichetta narrante per l’olio, a tutela dei consumatori e a difesa dei produttori

“Cheese 2013” chiude con la laurea honoris causa a Ermanno Olmi: successo e speranze per una nuova economia contadina

Cheese 2015 parte con un rullo di tamburi. Petrini: “Difendere le produzioni locali. No al formaggio col latte in polvere”

Perché visitare “Terra Madre Salone del Gusto” di Torino

“Raccogliamo i frutti di un’avventura che ha attraversato gli oceani” così Carlin Petrini presenta Terra Madre Salone del Gusto 2016 a Torino

Rai 2, Università di Scienze Gastronomiche e Slow Food presentano “Signori del vino”: torna in TV la cultura del vino

Slow Food celebra i 20 anni dei Presìdi e i 1000 prodotti sull’Arca del Gusto italiana

Slow Food Italia chiede al Governo la dichiarazione in etichetta del prezzo all’origine

Seminiamo la Biodiversità: un progetto di Slow Food. Petrini: “Non consegnare a poche multinazionali il controllo sul nostro cibo”

Osterie d’Italia 2016: presentata a Cheese la guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food

Taglio del nastro e via a Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino. Le foto del primo giorno

La Buona Strada, un progetto di Slow Food Italia di crowdfunding per le aree terremotate del Centro Italia

Ecco le ricette dell'Arca del Gusto di Slow Food, in attesa del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

Alice Waters, Slow Food Internazionale: “Cibo industriale e fast food affronto alla democrazia”

Slow Food a Vinitaly 2017 per raccontare, conoscere, bere il vino “buono pulito e giusto”

Slow Food: nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione adottiamo un orto in Africa

Terra Madre Salone del Gusto 2016: l'impatto economico porta 28-38 mln di Euro a Torino. Le ricadute sulla città

Presentata a Montecatini Terme Slow Wine 2017: la guida alle storie di vita, vigne, vini in Italia. Un manifesto politico

10.000 orti in Africa: Slow Food per la Biodiversità e Table for Two firmano un accordo a sostegno del progetto

Slow Food dalla Cina lancia Menu for Change: «Cambiamo il sistema alimentare, fermiamo il cambiamento climatico»

Carlo Petrini, Slow Food, lancia “Laudato si'”, rete di comunità per giustizia sociale, ecologia e solidarietà

A Cheese 2017, Slow Food lancia un segnale politico forte con gli "Stati generali del latte crudo"

Terra Madre Giovani: le voci di Serge Latouche, Nicola Gratteri, Don Luigi Ciotti e Gaetano Pascale

A Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino ha vinto la partecipazione: condivisione culturale, sociale e politica

Il film “Domani” disponibile in DVD e Blu Ray, con il patrocinio di Slow Food Italia

Terra Madre Giovani: 2500 contadini da 120 Paesi del mondo a Milano per discutere il futuro del cibo

Aspettando Cheese: a Bra (Cuneo) si degustano i formaggi del Regno Unito

Presìdi internazionali Slow Food: le novità del prossimo Salone del Gusto e Terra Madre di Torino

La rivoluzione sostenibile di Terra Madre Salone del Gusto di Torino: un progetto dell’UNISG di Pollenzo

Terra Madre Day 2014: Samantha Cristoforetti festeggia dallo spazio i 25 anni di Slow Food

Petrini: “Non c’è qualità alimentare senza rispetto dell’ambiente”. La campagna di Slow Food Menu for Change sul clima

Con Slow Food al Salone del Gusto e Terra Madre 2014: dalla “Scuola di Cucina” alla “Fucina di Pane e Pizza”, da “Mixology” ai “Laboratori del Gusto”

Partnership tra Slow Food ed Expo 2015: un accordo in nome della biodiversità e della lotta alla malnutrizione

Chiuso a Milano Terra Madre Giovani – We Feed The Planet: Gioia ed emozioni per i Giovani Contadini

Aspettando Slow Fish di Genova: aperitivi, tapas e cene a base di pesce per stuzzicare l’appetito, a Torino

Fermati da Stratta e… bevi un “Caffè selvatico della foresta di Harenna”, Presidio Slow Food, giovedì 25 settembre 2014 a Torino

Slow Food: Urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo

L’Arca del Gusto passa da Cheese 2013: con Slow Food e i formaggi di tutto il mondo a Bra (Cuneo)

Un nuovo anno con Slow Food: #PrendiamociGusto

Slow Food lancia una grande campagna internazionale per difendere la Biodiversità del Pianeta

Stati Generali delle Comunità dell’Appennino: Slow Food e Terra Madre per progettare la montagna che verrà

Terra Madre Salone del Gusto 2020: Torino e il Piemonte al centro del Mondo

Accordo Slow Food Italia e Gruppo Autogrill: da febbraio prodotti e libri negli scaffali

Agroecologia, sinergia tra agricoltura e ricerca: il cibo come patrimonio di conoscenze e dell’umanità per cambiare il mondo, all’UNISG di Pollenzo

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: Slow Food punta sull’agricoltura familiare

28 Ministri dell’Agricoltura dell’UE incontrano i prodotti dei Presìdi o dell’Arca del Gusto di Slow Food, all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo-Bra (Cuneo)

“Carlo Petrini”, Slow Food e “Pierre Rabhi”, filosofo francese: parole di Terra da un autentico mondo contadino

Il modello virtuoso del Salone del Gusto e Terra Madre di Torino: le ricadute ambientali, sociali ed economiche sul territorio

Salone del Gusto e Terra Madre 2014: testimonianze di lavoro di migranti nel nostro Paese

Terra Madre Salone del Gusto 2016 di Torino: già 1000 posti letto messi a disposizione dalle famiglie piemontesi