Vinitaly 2013 di Verona: la Sicilia, il continente del “Vino e dei Sapori” che guarda lontano

Verona, 08.04.2013, di Laura Margheritino
Logo Vinitaly 2013
Federazione strade del vino e sapori di Sicilia Book edizione 5 della Federazione Strade del Vino e Sapori di Sicilia Padiglione Sicilia Vinitaly 2013 di Verona

Lunedì 8 aprile alle 17 al Vinitaly 2013 (salone internazionale del vino e dei distillati a Verona), nella Sala Stampa del Padiglione Sicilia, verrà presentato il nuovo Book ufficiale della Federazione delle Strade del Vino e dei Sapori di Sicilia, a cura delle Edizioni Belle e Buone Arti, l’Italia delle eccellenze.
 
 
Il Book è alla sua quinta edizione ed è ormai diventato un appuntamento tradizionale del turismo enogastronomico siciliano con la grande platea degli eno-appassionati del Vinitaly e questa volta assume un valore particolare perché arriva nel momento in cui Marsala è stata proclamata "Città Europea del Vino 2013" (da Recevin - Rete Europea delle Città del Vino). 
 
 
Le Strade del Vino e dei Sapori di Sicilia propone il Book come strumento fondamentale per proseguire lungo il percorso già iniziato di promozione dei territori del vino, protagonisti del rinascimento enologico della Sicilia; infatti l’ultimo rapporto annuale dell’Osservatorio del Turismo del vino "Censis/Città del Vino" dimostra che tra i principali fattori attrattivi dei territori a vocazione enogastronomica, c’è la qualità dell’ambiente, dell’arte e della cultura e la Sicilia ha tutte le carte in regola per intercettare il migliore turismo enogastronomico mondiale, con un’offerta che promuove la crescita e lo sviluppo sostenibile del territorio
 
 
Il Presidente della Federazione Strade del Vino e dei Sapori di Sicilia Gori Sparacino afferma che "questo è l’obiettivo che si pone il Book 2013: offrire l’immagine di una Sicilia affascinante, quanto straordinaria, fatta di luoghi, prodotti e sapori, per un viaggio indimenticabile, in una Terra che guarda al suo futuro sicura delle sue grandi potenzialità e della sua vocazione all’eccellenza, nella filiera del turismo enogastronomico".