Anche a Valeggio sul Mincio (Verona), il progetto “Tremenda voglia di leggere”

Verona, 31.01.2013, di Valeria Ferrari

 

Il 9 e l'11 febbraio 2013  a Valeggio sul Minco (Verona) -

 

Favorire la cultura del libro nei ragazzi tra gli 11 e i 14 anni: questo l'obiettivo principale del progetto “Tremenda voglia di leggere”, promosso e finanziato dalla Fondazione Centri Giovanili Don Mazzi e patrocinato dai comuni di Cavriana (MN), Guidizzolo (MN) e Valeggio sul Mincio (VR), in collaborazione con le biblioteche e le scuole secondarie di primo grado dei suddetti comuni.

 

Il progetto coinvolgerà in totale quasi 400 alunni e 17 classi. Dopo la selezione di 18 titoli di narrativa di qualità per ragazzi pubblicati negli ultimi due anni, la Fondazione Centri Giovanili Don Mazzi acquisterà circa 400 copie dei titoli scelti e ne farà dono alle scuole interessate.

 

I libri prescelti verranno poi presentati nelle classi attraverso delle letture animate, curate dal Teatro Stabile d'Innovazione per le Nuove generazioni “PandemoniumTeatro” di Bergamo, secondo il seguente calendario:


  • Giovedì 7 febbraio 2013 presso la Scuola secondaria di primo grado (Aula Magna) di Guidizzolo;
  • Sabato 9 febbraio e Lunedì 18 febbraio 2013 presso la Scuola secondaria di primo grado (Aula Magna) di Valeggio sul Mincio
  • Venerdì 15 febbraio 2013 presso la Scuola secondaria di primo grado (Cantine di Villa Mirra) di Cavriana.
 
 
I ragazzi potranno quindi leggere e valutare i libri, grazie ai prestiti librari, votando il loro titolo preferito entro il 18 aprile 2013. Le classi che avranno letto e votato di più verranno premiate con una cerimonia finale organizzata a Casa di Beniamino, l'11 maggio 2013.
 
 
Accrescere l’amore per la lettura diventa fondamentale tra i giovani che, catturati dai moderni mezzi di comunicazione di massa, leggono sempre meno e sono a forte rischio di impoverimento della parola e, conseguentemente, del pensiero.
 
 
La Fondazione Centri Giovanili Don Mazzi sostiene il progetto per favorire l'avvicinamento dei giovani alla lettura, straordinaria opportunità formativa della persona e di sviluppo di menti critiche e libere e per creare un’occasione di coesione sociale tra i ragazzi che frequentano le scuole del territorio.