Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
Dai Paesaggi Culturali alla Dieta Mediterranea alla BMTA di Paestum (Salerno)


Dai Paesaggi Culturali alla Dieta Mediterranea alla BMTA di Paestum (Salerno)

Salerno, 16.11.2012, di Maria Rosaria Trama

Sabato 17 Novembre 2012 a Paestum (Salerno) -

 

Presso il Centro Congressi Aristona a Paestum, Sabato 17 Novembre alle ore 17.30 ci sarà una conferenza stampa dal titolo: Dai Paesaggi Culturali alla dieta mediterranea. Per un approccio olistico alla valorizzazione del patrimonio.


L'evento è promosso dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Salerno e Avellino, la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta in collaborazione con il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, l’Associazione Identità Mediterranee e l’Associazione Achille e la Tartaruga. I relatori saranno Gennaro Miccio, Adele Campanelli, Amilcare Troiano, Giovanni Villani, Carla Maurano, Paola de Roberto.


A quindici anni dal riconoscimento UNESCO attribuito al Cilento, Vallo di Diano e Alburni, e a due dall’iscrizione della “Dieta Mediterranea” nel Patrimonio Immateriale dell’Umanità, la consapevolezza dei “valori” legati a questi beni e la percezione che essi possano davvero rappresentare uno strumento di sviluppo socio economico non si sono ancora di fatto affermate presso le comunità locali.


 

É pertanto necessario agire per favorire questi processi di consapevolezza e per indicare nuove prospettive di fruizione e valorizzazione.