Mercoledì del BenEssere: L’Aikido

Italia, 14.11.2012, di Redazione 4

 

 

Di Federica Pagliarone -


E’ una moderna arte marziale giapponese praticata sia a mani nude sia con le armi bianche tradizionali del Budo giapponese di cui principalmente: "ken" (spada), "jo" (bastone) e "tanto" (il pugnale).


I praticanti sono chiamati aikidoisti.

 

La finalità dell'Aikido non è rivolta al combattimento né alla difesa personale, pur utilizzando per la sua pratica uno strumento tecnico che deriva dal Budo, l’arte militare dei samurai giapponesi; l’Aikido mira, infatti, alla “corretta vittoria” che consiste nella conquista della “padronanza di se stessi”, resa possibile soltanto da una profonda conoscenza della propria natura interiore.

 

Con questo il Fondatore dell’Aikido voleva affermare che, per cambiare il mondo, occorre prima cambiare se stessi e ciò significa che, se si vuole veramente acquisire quella capacità che il Fondatore dell'Aikido definiva katsuhayabi, cioè di padroneggiare l’attacco proveniente da un potenziale avversario esattamente nell'istante e nella circostanza della sua insorgenza (nel Buddhismo Zen si direbbe: qui ed ora), occorre aver preventivamente avere acquisito la capacità di padroneggiare pienamente se stessi. (continua)