La Bella della Daunia (Foggia)

Foggia, 03.11.2012, di Redazione 35

 

 

La Bella della Daunia è il nome di un'oliva da tavola ottenuta dalla trasformazione, con lavorazione in verde o in nero, di olive della cultivar Bella di Cerignola raccolte in una ristretto zona del Foggiano, in particolare nel territorio di Cerignola.

 

Le olive vengono raccolte non prima della metà di ottobre; durante la lavorazione in verde sono trattate con idrossido di sodio per ridurne l'amarognolo; in questa fase le olive devono essere costantemente coperte di acqua per evitare ossidazioni, poi vengono risciacquate con acqua e poste in appositi contenitori; infine viene aggiunto il sale da cucina.

 

A questo punto segue la fermentazione di 30-60 giorni in recipienti adeguati nei quali le olive devono essere sempre coperte con salamoia.

 

L'oliva viene coltivata in pianura in presenza di temperature che non scendono mai al di sotto di 0 °C; i terreni che più si prestano alla coltivazione di questa varietà sono di tipo calcareo, siliceo e argilloso.


 

Il sistema di coltivazione deve essere quello tradizionalmente adottato nella zona, fortemente legato ai peculiari caratteri orografici e pedoclimatici.

 

La raccolta delle olive avviene direttamente dalla pianta, a cominciare dal 1° ottobre; per le olive verdi nel momento in cui la pellicola inizia a virare dal verde foglia al verde paglierino con lenticelle ben pronunciate; per le olive nere quando le olive sono invaiate o mature con colorazione rosso vinoso.

 

Le Belle della Daunia hanno una forma ellissoidale allungata, piuttosto grosse e belle, con una polpa consistente; è resistente alle manipolazioni e facile alla conservazione.

 

Il Territorio: Monte Sant'Angelo: