Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
Le colline senesi, ispirazione per poeti e pittori


Le colline senesi, ispirazione per poeti e pittori

Siena, 02.11.2012, di Redazione 35

 

 

Siena è la porta che introduce ad una parte di Toscana ricca di storia e di natura.

 

Le crete senesi, spessi sedimenti di argilla e sabbie delicatamente ricoperte di pascoli, esprimono il paesaggio più rappresentativo della Regione.

 

L’idrografia è frammentata ed il territorio ricoperto di una densa macchia dominata dal leccio ed abitata da una fauna ancora integra con molti rapaci, l’onnipresente cinghiale e la lontra, osservata lungo il torrente Merse.

 

Tutte le epoche hanno lasciato ricordi importanti, gli etruschi con le necropoli ed i grandi lavori minerari; il medioevo con i castelli ed i complessi monastici, come San Galgano e Monte Oliveto Maggiore; il rinascimento con i palazzi pieni di preziosi arredi ed opere d’arte.


 

Ed anche la viabilità è antica, usata dai viandanti che dall’Europa andavano a Roma passando dalla romana via Cassia o dalla longobarda via Francigena.

 

 

Il medioevo aleggia ancora negli usi e tradizioni della profonda civiltà contadina, come il famosissimo Palio che viene corso a Siena nel periodo estivo.

 

Il territorio senese comprende diverse aree destinate a riserve naturali e forestali, come Tocchi, Pallazzo e Cornacchia, fruibili a piedi, a cavallo ed in mountain-bike.

 

Il torrente Merse, che ne attraversa il territorio, consente anche l’uso della canoa per discese lungo il suo corso, mentre dai suoi rilievi è ampiamente praticato il deltaplano; la morfologia dei terreni carsici, inoltre, favorisce le attività speleologiche.

 

I turisti che si avventurano nelle terre senesi, ogni anno sempre più numerosi, possono godere di un’ospitalità eccezionale garantita dal carattere aperto e disponibile della gente.

 

L’artigianato artistico è molto legato al turismo: lavorazioni del travertino, del ferro e del cuoio sono un punto di riferimento ben preciso ed in questi settori si possono trovare dei veri piccoli gioielli.

 

La cucina senese è semplice e saporita; tra i piatti tipici troviamo il “buristo”, un antipasto gustoso e particolare,  i pici alla lepre e aglio e gli spiedini di agnello condito con un ottimo olio extravergine d’oliva delle colline senesi o la “ciancinfricola”, uova sbattute con aglio, pomodoro, oliod’oliva e peperoncino.

 

 

Piatti tradizionali e non certo gli unici, come invece è unico il famosissimo Brunello di Montalcino, ma vi sono anche altri vini locali meno importanti ma altrettanto buoni, che possono accompagnare un pasto senese: dal Chianti, al Rosso di Montalcino, dal Nobile e Rosso di Montepulciano alla Vernaccia di San Gimignano.

 

E non meno noti sono i dolci della tradizione senese, i ricciarelli, i cavallucci, il panforte, la copata, magari accompagnate da un bicchierino di Moscadello di Montalcino o di Vinsanto.

 

Prodotto: Lo Zafferano di San Gimignano