Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
La cipolla rossa di Certaldo (Firenze)


La cipolla rossa di Certaldo (Firenze)

Firenze, 21.10.2012, di Redazione 35

 

La Cipolla rossa di Certaldo è fortemente legata all'immagine del territorio di questo borgo medioevale pochi chilometri a sud di Firenze e ha un particolare di riferimento anche nei confronti degli abitanti, tanto che nelle dispute di campanile i certaldesi sono definiti "cipolloni".

 

La sua coltivazione in questo territorio è di antica data; viene citata anche nel “Decameron” del certaldese Giovanni Boccaccio.

 

La cipolla si distingue in due tipologie principali, legate al periodo di produzione: la statina, raccolta in estate, è tonda, di colore viola chiaro, succosa, dolce e sapida, e la vernina, raccolta in autunno, di colore rosso intenso, leggermente schiacciata ai poli e di sapore pungente tipico.


 

In occasione delle tante sagre locali è possibile imparare alcune ricette a base di cipolla che dimostrano come questo ortaggio sia molto versatile.


 

Oltre alle marmellate da abbinare ai formaggi, la preparazione più classica è farla appassire in olio caldo, passarla al setaccio, allungare con il brodo e qualche patata per farne una crema da insaporire con olio extra-vergine di oliva e da abbinare a fettine di pane toscano tostate.

 

Un'altra specialità locale è la “francesina”, il lesso rifatto con le cipolle, in genere fatto utilizzando il bollito avanzato, che tagliato in piccoli pezzi, viene passato in padella con soffritto di abbondante cipolla e pomodoro, e ammorbidito con brodo di carne durante la cottura.

 

Coltivata da sempre nei terreni sciolti intorno al borgo medievale, la cipolla di Certaldo, coltivata oggi da pochi agricoltori locali, ha le potenzialità per diventare, o meglio, tornare a essere, un elemento trainante dell’economia locale; il “Consorzio Certaldo 2000”, infatti, mira al rilancio di tale coltura, mediante il recupero di terreni abbandonati e l’avvio di una cooperativa per il confezionamento e la commercializzazione del prodotto.

 

Il Territorio: Vinci