Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
La Carpasina di Badalucco (Imperia)


La Carpasina di Badalucco (Imperia)

Imperia, 18.10.2012, di Redazione 35

 

Nella zona di Badalucco, in provincia di Imperia, viene prodotto un pane chiamato “Carpasina” o “pan d’Ordiu”, pane d’orzo, una pagnotta dura come la pietra, inumidita con acqua e aceto, strofinata con aglio, condita con pomodoro, acciughe e basilico.

 

Questo pane dal caratteristico colore scuro ma non tanto come quello di segale, è tipico della Valle Argentina, era un tipico alimento di sostentamento insieme al latte ed al formaggio, per i pastori in transumanza e quando stavano mesi sugli alpeggi.

 

In località Carpasio, dove si dice sia stato creato per la prima volta questo pane, durante l'estate si rivivono i tempi della transumanza e protagonista gastronomico della festa è proprio la "Carpasina"

 

La farina di orzo viene impastata con acqua e lievito di birra; si lascia a riposo l'impasto, coperto con la farina di orzo, poi lo si lavora a lungo, formando quindi delle pagnotte lunghe.


 

 

Con un filo di spago si tagliano delle fette che vengono messe nelle teglie e cotte al forno non troppo caldo per un'ora poi si girano dall'altra parte e si rimettono al forno a completare la cottura per un'altra ora.

 

L’orzo per la produzione di questo pane arriva dal Piemonte e viene macinato in un mulino a pietra, altrimenti nei cilindri metallici la farina si ossida ed il pane, la “Carpasina” non viene buona, si "brucia", come afferma il fornaio di Badalucco.

 

Territorio: Dolceacqua