Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
Sabato con la Nutrizionista: Consigli per un adeguato svezzamento (prima parte)


Sabato con la Nutrizionista: Consigli per un adeguato svezzamento (prima parte)

Italia, 29.09.2012, di Redazione 4

 

 

A cura di Lidia Mosca, Biologa Nutrizionista -


Quando si inizia lo svezzamento è importante offrire al bambino alimenti digeribili e dal sapore dolce e delicato che ricordi quello del latte della mamma, come la crema di riso e tapioca,le patate,le carote, le zucchine, la mela, la pera e la banana.


La base delle prime pappe, a partire dai 4-6 mesi, deve essere costituita dal brodo vegetale come le patate, le carote e le zucchine facendole bollire in acqua e poi togliendole, lasciando per l’appunto solo il brodo vegetale (senza sale).

 

Poi dal 7°- 8° mese si potranno aggiungere i fagiolini, i finocchi, gli spinaci e le erbette; dall’8°- 9° mese gli asparagi, i carciofi, i cavoli e le verze; dai 10 mesi in su le cipolle e i pomodori.


Le verdure vanno lavate, tagliate a pezzetti, messe in pentola con circa 500 ml di acqua, quindi bolllite per circa 1 ora (o 20 minuti con la pentola a pressione) e dopo aver eliminato le verdure il brodo formatosi va filtrato con un passino.



La frutta è uno dei primi alimenti che viene introdotto nell’alimentazione del bambino durante lo svezzamento, ma consumata senza buccia.


La frutta essendo ricca di vitamina c, rinforza le difese immunitarie del piccolo, le membrane cellulari delle cellule, la vista e favorisce l’assorbimento del ferro.


Inoltre, la frutta è un’ottima fonte di betacarotene ( che l’organismo trasforma in vitamina a) fondamentale per il benessere della pelle, degli occhi, e delle mucose. Frutta come le banane, kiwi e albicocche sono ricchissime di potassio, un minerale molto importante per l’equilibrio idrosalino e aiuta il funzionamento di nervi e muscoli.


La frutta, inoltre, contiene molte fibre alimentari che aiutano a regolarizzare l’attività intestinale, specie se il bimbo soffre di stitichezza grazie alle pectine che hanno un’azione lassativa senza irritare però l’intestino del bambino.


Infine frutta come albicocche, pesche e agrumi, essendo costituita per l’80-90% di acqua, contribuisce ulteriormente a mantenere un’adeguata idratazione del bambino.


Tutta la frutta può essere proposta tutti i giorni al bambino ad eccezione dei kiwi ed agrumi che è consigliabile inserirla dal 10° mese in poi e quella di bosco dai 2 anni in poi per evitare fenomeni di allergia.


Dai 2 anni in poi tutta la frutta può essere proposta con la buccia.