Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
Festival del letame 2012 al Caseificio Santa Rita di Serramazzoni (Modena)


Festival del letame 2012 al Caseificio Santa Rita di Serramazzoni (Modena)

Modena, 07.06.2012, di Mascia

 

 

Dal 15 al 17 giugno 2012 a Pompeano di Serramazzoni (Modena) -

 

Si ripete per la quarta volta consecutiva il piccolo festival controcorrente del Caseificio Santa Rita, il Festival del Letame, a cui quest'anno è stato aggiunto..."e della solidarietà".

 

Ogni volta che pubblico la notizia di questo festival mi viene in mente il mio professore di agronomia che decantava le virtù del letame, ce ne metteva sotto il naso un pezzetto e diceva "vedete il letame non puzza.." facendo rabbrividire noi studentesse cittadine, iscritte all'istituto agrario in virtù di fantasie bucoliche,  per nulla avezze nè alla campagna nè tantomeno al letame.

 

Il buon professore aveva ragione, il letame puzza quando è fresco, cambia quando diventa burroso e poi maturo, accompagnato da processi di fermentazione, che ne modificano la composizione, la struttura e il "profumo".


 

Il letame è un insostituibile compagno delle aziende agricole, un cibo prezioso per la terra,  che ne migliora la struttura, nutre la microflora e tante altre cose che ormai non ricordo più.

 

Il significato del festival organizzato dal Caseificio Santa Rita di Pompeano di Serramazzoni, è stato ed è proprio questo, un inno alla produzione naturale, che rispetta i tempi e i ritmi della natura, una festa per il biologico, per la filiera corta, per il parmigiano di vacca bianca modenese, per l'aria buona di collina e per tutti quelli che cercano un modo di vivere diverso.

 

Il tutto accompagnato da gnocco, tigelle, borlenghi, Lambrusco, allegria e da una competizione senza pari quella del "miglior letame".