Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
Mercoledì del BenEssere: La Depilazione, dalla più rapida alla più efficace, segreti e consigli (terza parte)


Mercoledì del BenEssere: La Depilazione, dalla più rapida alla più efficace, segreti e consigli (terza parte)

Italia, 02.05.2012, di Redazione 4

 

 

Di Federica Pagliarone -

 

Tutti i metodi per eliminare i peli superflui
 

Elettrocoagulazione
 

Tra tutti i metodi definitivi oggi in auge è sicuramente quello più utilizzato e consiste nell'attacco e nella distruzione di ogni pelo, uno alla volta. L'operatore estetico impiega a tale scopo un ago di tale finezza da poter raggiungere il bulbo e distruggerlo mediante il passaggio di una corrente ad alta frequenza. Il trattamento non è per nulla doloroso, tutt'al più è snervante sia per la paziente che per l'operatore. Se questi è molto abile può eliminare un gran numero di peli in una sola seduta. Il numero delle sedute è in rapporto al numero di peli da togliere e al grado di pazienza della cliente.
 

Depilazione a pinza
 

Simile come concetto di funzionamento al metodo dell'elettrocoagulazione, con la differenza che l'elemento di conduzione della corrente elettrica non è invasivo perché, al posto dell'ago, si utilizza una pinza che, pinzandolo sfrutta lo stelo del pelo come trasmettitore delle scarica al bulbo. Metodo piuttosto conclamato sino a pochi anni fa, attualmente ha perso molta credibilità, soprattutto dopo che la FDA Americana ha espresso un parere negativo sulla reale capacità di ottenere effetti di depilazione definitivi.
 


Depilazione mediante fasci di luce coerente laser
 

Recentemente è stato proposto per la depilazione definitiva l'utilizzo del laser. Anche se di tecnologie differenti tutti i laser attualmente proposti si basano sul concetto comune della: "fototermolisi selettiva".
 

Essi emettono luce monocromatica ad una frequenza tale da poter aggredire selettivamente la melanina presente nel pelo e, soprattutto nel suo bulbo. Ad oggi questa tecnologia necessita ancora di approfondimenti sulla reale efficacia ed innocuità, sull'assenza di effetti collaterali, e di un affinamento delle metodiche per garantire operatori estremamente qualificati.
 

Depilatori chimici
 

In assoluto i più utilizzati, soprattutto per i trattamenti casalinghi. Sono prodotti cosmetici a base di sostanze in grado attaccare chimicamente la struttura cheratinica del pelo. Essi distruggono il pelo solo nella loro parte visibile e, tra l'altro, presentano l'inconveniente di lasciare un cattivo odore; il loro pH assestato su valori basici procura situazioni di disturbo alla cute dotata di un pH fisiologicamente acido.
 

Rasoio a lama o elettrico
 

Come per i depilatori chimici anche questi metodi tagliano solo la parte aerea del pelo, normalmente la risposta della pelle è quella di una ricrescita accellerata di peli che aumentano sia di numero che di volume. Dei due metodi quello sicuramente sconsigliabile è quello del rasoio a lama, mentre quello elettrico può risultare accettabile per zone molto delicate come le ascelle.
 

Cere depilatorie
 

Di varie tipologie e differenti metodologie di applicazione, sfruttano la capacità di alcune resine naturali (colofonie e loro derivati) di inglobare con forza lo stelo del pelo quando vengono spalmate sulla pelle e di trascinarlo via quando vengono strappate. Si suddividono in cere a freddo e a caldo a seconda delle temperature di utilizzo.

 

Quelle a caldo si presentano di consistenza solida e sono miscele di resina con cere naturali quali la cera d'api e candelilla, cere microcristalline e paraffina. Vengono scaldate sino a fusione ed applicate quando sono ancora plasmabili (allo stato semifluido a temperature intorno ai 40° C). Sulla pelle prendono una consistenza gommosa e possono, quindi, essere asportate mediante un'azione decisa di strappo, in soluzione unica.

 

Quelle cosiddette a freddo, a temperatura ambiente si presentano di consistenza semisolida, attraverso un riscaldamento più moderato possono essere portate ad una consistenza sciropposa e quindi essere applicate a temperature più vicine a quelle della pelle.

 

L'azione di strappo viene effettuata dopo aver fatto aderire lo strato deposto sulla pelle con una striscia pretagliata di tessuto. Ambedue grazie all'azione del calore trasferito sulla pelle quando vengono applicate, provocano un'azione di dilatazione del follicolo pilifero. Se la manualità di strappo è eseguita con una certa perizia, si ottiene una rimozione significante di peli completi anche del loro bulbo pilifero, l'azione di ritardo e d’indebolimento della ricrescita in questo caso viene ottenuta con una certa gradualità.