Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
Sabato con la Nutrizionista: Consigli su come alimentarsi durante lo sport - ultima parte


Sabato con la Nutrizionista: Consigli su come alimentarsi durante lo sport - ultima parte

Italia, 25.02.2012, di Redazione 4

 

A cura di Lidia Mosca, Biologa Nutrizionista -

 

Secondo Jeukendrup (2008), l’assunzione di questi carboidrati consente di ossidare fino a 1g di carboidrati esogeni per ogni minuto e, non si può andare oltre in quanto è questa la massima quantità utilizzabile dal nostro organismo.

 

La spiegazione di ciò lo si deve al ruolo dei Carriers, ovvero trasportatori di molecole di glucosio, che in pratica arrivano a saturazione quando i carboidrati assunti per via orale raggiungono 1g/min.

 

Siccome il fruttosio viene trasportato da un differente carrier (Ferraris e Diamond, 1997), si è visto che questo venendo assorbito in quantità inferiori e secondariamente al glucosio, può essere sommato complessivamente al primo ottenendo dunque un’ossidazione quasi doppia cioè fino a 1,75 g/min (Jeukendrup, 2008) e dunque una migliore prestazione sportiva.


 

E’ importantissimo dunque, combinare in quantità opportune fruttosio e glucosio (o malto destrine) per ottenere un’ossidazione di carboidrati pari a 1,7 g/min.

 

Le dosi consigliate sono pari a 1,2 g/min per il glucosio e 0,9 g/min per il fruttosio, per un totale di 2,2 g/min di carboidrati (Jentiens e Jeukendrup, 2005).

 

Quantità troppo elevate di fruttosio ad esempio potrebbero portare a disturbi gastrointestinali.