"La Festa dei Cuochi 2010" a Villa Santa Maria (Chieti): la capitale della buona cucina

Chieti, 06.10.2010, di Nicola Tieri

 

Di Alba Simigliani -

 

Dall'8 al 10 ottobre 2010 a Villa Santa Maria (Chieti) -

 

In Abruzzo c'è il “paese dei cuochi”, è Villa Santa Maria, un piccolo borgo in provincia di Chieti con una grande e lunga tradizione gastronomica.

 

Qui ogni anno, nella seconda settimana di ottobre c'è la Festa dei cuochi, giunta alla sua 32^ edizione.

 

Una grande ed attesa festa del cibo e dell'arte della ristorazione, legata alla tradizione culinaria di questo paese e radicata nel territorio considerato, a ragione, la patria dei cuochi, che in questa occasione diventa più che mai la capitale della buona cucina e consolida quella tradizione che ha origini lontane.


 

Qui c'è anche il “Museo dei cuochi” (unico in Italia) ed un importante Istituto Alberghiero che da decenni diploma i migliori chef che operano presso i ristoranti di tutto il mondo.

 

 La Festa dei Cuochi, 2010, a Villa Santa Maria

 

A partire, infatti, dal 1560, Villa Santa Maria è stato per 300 anni feudo e residenza dei Principi Caracciolo (famiglia di origini campane) dai quali ha preso il via quella grande tradizione culinaria che ha fatto di questa cittadina l’universale patria dei Cuochi.

 

Nel trattato del bolognese Bartolomeo Stefani (capocuoco del duca Carlo II di Gonzaga) “L’arte di ben cucinare ed istruire i men periti in questa lodevole professione”, del 1662, si fa già menzione di un bravo cuoco, Vincenzo Pavia, dalle sicure origini villesi.

 

Esponenti villesi delle più alte gerarchie culinarie del secolo scorso si sono guadagnati l’appellativo di “Monzù” e, negli anni, i più valenti cuochi abruzzesi andarono ad aggiungersi a quelli francesi e napoletani con il loro prezioso bagaglio di antichi ricettari della loro regione, dando vita ad una vera casta superba ed orgogliosa.

 

Diversi furono gli chef di questo borgo che assursero al titolo di “monzù”, veri artisti del buon mangiare che dedicarono la loro vita a deliziare gli esigenti palati di principi, aristocratici, ambasciatori, capi di stato, famiglie importanti del vasto panorama mondiale sotto la protezione di San Francesco Caracciolo, protettore dei cuochi nato proprio a Villa S. Maria.

 

La Rassegna si apre con una solenne processione commemorativa, dedicata proprio al patrono dei cuochi, e con il rito dell'accensione della lampada con l'Olio Votivo, che a turno, spetta alle Associazioni Regionali Cuochi provenienti da tutta Italia.

 

Nel centro storico del paese vengono allestite isole gastronomiche per la degustazione di prodotti tipici e l'immancabile Buffet Dimostrativo: vera e propria prova di "Arte" culinaria cui partecipano grandi maestri e bravi allievi, fieri nei leggendari alti cappelli bianchi.

 

 La Festa dei Cuochi, 2010, a Villa Santa Maria

 

Un lungo tavolo apparecchiato attraversa il centro storico su cui trionfano superbe sculture di frutta, ortaggi e marzapane, e su cui la comunità locale esprime la sua storia, la sua vocazione centenaria e la sua identità.

 

Saranno tre giornate intense, con un programma ricco di incontri, pranzi, dimostrazioni, degustazioni, convegni, concorsi, esibizioni di cuochi, produttori, artigiani, gastronomi, maestri di cerimonia e barman.

 

 La Festa dei Cuochi, 2010, a Villa Santa Maria

 

E a quest’ultima categoria appartengono due ospiti che sicuramente susciteranno curiosità ed attenzione: Dean Callan, famoso barman londinese, e Lee Linfors, che la stampa specializzata definisce “the best gin connosseur of UK”.

 

Tra gli appuntamenti più rilevanti, si segnalano:

  • il convegno d’apertura di venerdì 9 sul turismo religioso (“Il Cammino dell’Apostolo Tommaso”)
  • Le delizie del principe”, pranzo servito a Palazzo Caracciolo alle 13 di sabato 9 e domenica 10
  • le lezioni di bon ton dai maestri cerimonieri di “Mise en place” (sabato alle 16)
  • le lavorazioni dimostrative di latticini, frutta e ortaggi della sezione “L’arte della cucina” (sabato e domenica)
  • la gara tra cuochi per il concorso gastronomico “Il cuoco doc”, riservato a cuochi abruzzesi e molisani che si sfideranno nella elaborazione di prodotti biologici e della Del Verde (uno dei benemeriti sponsor, insieme con la CariChieti, della rassegna)
  • il convegno di sabato sui prodotti biologici.

 

I golosi potranno soddisfare il loro palato non mancando l’appuntamento, oltre che con le già ricordate “Delizie del principe”, con i ristoranti locali, le isole gastronomiche, il “Gran Buffet
dimostrativo servito domenica 10 alle 18 in Corso Umberto dagli allievi dell’Istituto Alberghiero.

 

Infine, chiusura alla grande, nella serata di domenica, con “A cena con i Grandi della terra”, riproposizione a Palazzo Caracciolo del menù servito nel luglio 2009, a L’Aquila, alla cena di gala del G8.