Una prodotto tipico a base di carne: la Zampina di Sammichele di Bari

Bari, 24.06.2009, di Vito

 

La Puglia può essere considerata una grande regione conservatrice di antiche tradizioni e soprattutto di una gustosa, sana e stimata cucina.
In un piccolo paese, a pochi chilometri dal capoluogo, si trova Sammichele di Bari. Questo centro, di origini agricole, possiede un borgo antico molto caratteristico.

 
Ogni anno, tra le pittoresche vie del borgo antico, si volge la sagra della Zampina.
Si narra che questa tipica salsiccia sia stata inventata nel secolo scorso per suggerimento dell’agricoltore-scrittore Gianbattista Gagliardo.

 

E’ molto amata da piccoli e grandi al punto che attira sempre più buongustai alla “Sagra della Zampina, del bocconcino e del buon vino” che si tiene ad ogni settembre.

 

L’insaccato è costituito da carni miste condite con pomodoro, formaggio, prezzemolo o basilico, peperoncino, pepe e sale. Il modo più conosciuto per cuocere la Zampina è alla brace. Il termine Zampina deriva da un piccolo errore linguistico, infatti era il sostegno dello spiedo lungo e sottile, su cui veniva cotta.


 

Spesso questo squisito piatto viene accompagnato da finocchi, sedani, olive, pane e tanto buon vino rosso. Un vero trionfo di sapori rustici in un clima festoso e familiare.

 

Vi consiglio di non perdere questa gustosa grigliata. Uno dei migliori luoghi in cui vi potete deliziare con questa leccornia è “Al Borgo Antico di Labrocca R.- Bed&Breakfast”. Esso costituisce un magnifico angolo verde situato nel centro storico di Sammichele di Bari dotato di comode camere offre un’ottima cucina locale orientata ad antichi sapori. L’ambiente risulta accogliente e rilassante.

di Vito