Valorizzazione dei Rossetti di Camogli (Genova)

Genova, 25.02.2009, di Redazione 6

 

 

 

Nel corso del 1° Seminario di Approfondimento BIANCHETTI E ROSSETTI VERI E FALSI, organizzato dai Blu di Camogli, ristoranti di qualità, è emersa la volontà di valorizzare e identificare i rossetti che provengono solo ed esclusivamente dal mare di Camogli.

Sul tavolo di lavoro dei relatori e partecipanti al seminario sono arrivati due specie di rossetti appartenenti alla famiglia dei Gobidi con un ciclo di vita di circa un anno.

 

Entrambi locali, uno, il rossetto Aphia minuta mediterranea, specie d'interesse commerciale conosciuto lungo l'intera costa del Mar Mediterraneo e uno, più chiaro, più piccolo, più tenero, più lucente, il rossetto (trasparente come il cristallo), Crystallogobius linearis, specie delicatissima che viene pescata solo ed esclusivamente lungo le coste e i fondali dell'Area Marina Protetta di Portofino, per poche centinaia di  metri ad ovest ed est di Punta Chiappa di Camogli. Quest'ultimo quindi un prodotto unico che viene pescato con un attrezzo antico e rispettoso dei fondali, tanto che la sua pesca è consentita addirittura in un'Area Marina Protetta.


 

Da questo primo seminario di approfondimento i ristoratori Blu di Camogli "Rosa, Hostaria del Pesce, Da Paolo, Vento Ariel, La Camogliese, La Bossa, La Cucina di Nonna Nina" (quella parte che dopo il conseguimento della certificazione del Bollino Blu ha deciso di proseguire la strada di promozione iniziata grazie alla Provincia di Genova e al Comune di Camogli) escono con una nuova motivazione: dare una identità al "loro" rossetto, confortati ed aiutati nel perseguimento di questo ambizioso progetto dagli esperti relatori presenti e dagli Enti da essi rappresentati.

 

L'Area Marina Protetta, nelle persone del Dott. Giorgio Fanciulli Direttore e  Dott. Simone Bava biologo marino e tecnologo della pesca, contribuiranno, con il prestigio dell'Ente che rappresentano, a diffondere e valorizzare l'iniziativa condividendone i contenuti, mentre i "pescatori", parte determinante delle filiera, nella persona del Sig. Simone Gambazza, Presidente della Cooperativa Pescatori di Camogli, garantiscono la tracciabilità del prodotto ed il rispetto dell'ambiente marino attraverso le tecniche di pesca utilizzate.