Ricetta: Amaretti sardi, anche per celiaci

Italia, 17.04.2008, di Maricetta


Ingredienti:

800 gr di mandorle dolci (più quelle da inserire sopra l’amaretto); 150 gr di mandorle amare; 900 di zucchero (più 200 grammi per la copertura); scorza grattugiata di due limoni non trattati; 10 bianchi d'uovo; Due tazzine da caffè di liquore; un pizzico di sale.

Preparazione:

Pelate tutte le mandorle dopo averle scottate in acqua bollente per qualche minuto. Sbucciatele e lasciatele asciugare in una teglia capiente ricoperta da un canovaccio per almeno una giornata girandole di tanto in tanto. Sminuzzatele finemente (ad eccezione di quelle da utilizzare per la copertura) con l’aiuto di un mixer e mischiatele con lo zucchero e la scorza dei limoni grattugiata. Montate i bianchi a neve con un pizzico di sale e incorporateli delicatamente alle mandorle. Dovrete ottenere una consistenza densa. Fate riposare il composto per un paio d’ore e se dovesse risultare troppo duro aggiungete un bianco d’uovo.




Accendete il forno a 180° e nel frattempo preparate le palline che dovranno essere della grandezza di una noce inumidendovi spesso le mani col liquore in modo che il composto non si appiccichi troppo alle mani. Mettete in un piatto dello zucchero e fateci rotolare dentro le palline, prima di metterle nella teglia ricoperta da carta da forno. Distanziatele poiché in cottura tenderanno a gonfiarsi e inserire in ciascun amaretto una mandorla dolce intera. Sarà necessario infornarli almeno in tre riprese.

Abbassate la temperatura a circa 160°C e lasciar cuocere per circa 20 minuti. Dovranno risultare dorati e croccanti solo esternamente mentre il cuore dovrà essere morbidissimo. Questi dolci, tipici della tradizione sarda, possono essere consumati dai celiaci poiché non contengono farina. L’assenza di farine consente che vengano conservati anche per due mesi in una scatola in latta.