Warning: include(/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: include(): Failed opening '/home/mondodel/public_html/pages/public/contatti.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php:/home/mondodel/PEAR/PEAR:/home/mondodel/PEAR/DB:/home/mondodel/PEAR/Pager') in /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php on line 378

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/mondodel/public_html/pages/public/gui/post.php:378) in /home/mondodel/public_html/index.php on line 193
Rilevazioni dell'Istat sul popolo più longevo d'Europa: gli italiani vivono più a lungo


Rilevazioni dell'Istat sul popolo più longevo d'Europa: gli italiani vivono più a lungo

Italia, 16.03.2008, di Redazione 7




di Giancarlo Lizzeri -

Una recentissima rilevazione dell’Istat scopre che gli italiani sono il popolo più longevo d’Europa. Secondo l’Istat la vita media degli uomini italiani tocca quota 78,6 anni, mentre è di 84,1 anni per le donne. In base a queste stime la vita media degli uomini italiani risulterebbe seconda in Europa soltanto agli svedesi (78,9), ed è davanti a olandesi (77,9) e irlandesi (77,6).

Lo stesso avviene per le donne, seconde soltanto alle francesi (84,4) ma davanti a spagnole (83,9) e svedesi (83,1). Se si fa la media tra uomini e donne, gli italiani hanno la vita più lunga d'Europa. Pure gli abitanti del Mezzogiorno (che abbassano un po’ la media italiana) hanno una vita media più alta rispetto alla media europea.




La lunghezza di vita media è sempre stata considerata uno degli indicatori più efficienti del benessere relativo tra i vari Paesi. Per questo si tratta di statistiche collaudate e normalmente affidabili. Ma per sicurezza arrotondiamo un momento.

E integriamo le notizie di fonte Istat con quelle pubblicate da una fonte che da sempre segue l’argomento, e cioè lo studio sulla vita media nel mondo nel 2007 pubblicato dalla Central Intelligence Agency americana.

Diciamo allora che, prendendo in esame solo i maggiori Paesi, il Giappone viene in prima posizione al mondo, seguito a sostanziale pari merito da un gruppetto di Paesi composto da Italia, Francia, Svezia, Canada e Australia. A distanza via più elevata si collocano poi Spagna, Israele, Grecia, Austria, Olanda, Germania, Belgio, Regno Unito e Stati Uniti. In questi ultimi la vita media è di ben 3-4 anni più bassa che in Italia.



Il fatto che l’Italia sia tra i Paesi con la più alta vita media in Europa e quindi se la vedano ora solo con i Giapponesi per il primo posto al mondo è quindi una notizia degna di attenzione.

Ma allora è opportuno porsi due domande.

Lo studio Istat è stato o ignorato o riportato in modo tecnico e asettico dai maggiori media italiani. Con una notizia così a favore del loro Paese, Zapatero, Sarkozy e George Brown avrebbero fatto una conferenza stampa a reti unificate. George Bush avrebbe probabilmente chiesto la convocazione del Congresso a Camere unificate per un supplemento al suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione. Perchè solo in Italia (sport e poco altro a parte) una buona notizia non fa notizia?

Seconda domanda. Come si spiega che, in barba alla malasanità, all’inquinamento, alla monnezza, alla pessima pubblica amministrazione, gli italiani sono tra i più longevi in Europa? Se c’è qualcuno che studia con attenzione queste cose, e sicuramente c’è, dovrebbe parlare stabilmente ad alta voce. L’argomento infatti è importante.

In attesa di riflettere su pareri scientifici, ci pare giusto avanzare una nostra ipotesi. Nonostante tutto, forse gli italiani hanno uno stile di vita migliore, o meno dannoso, rispetto ad altri Paesi. Forse, e soprattutto nello stile di vita degli italiani, ha un ruolo importante mangiare e bere in modo sostanzialmente sano, di certo molto più sano rispetto ad altri Paesi. Noi di “Mondo del Gusto” ci crediamo. Sempre lieti di leggere una spiegazione migliore.